Page:APUG 2300 B2.djvu/72

From GATE
This page has not been proofread

la linea ferroviaria che congiunge il pontile con la miniera di carbone, e si si sente per la prima volta il fischio della motrice a vapore.
Nel pomeriggio non si è avuto altro dalla stazione "Italia" ma dopo pranzo esco sul ponte, mi avvicino alla cabina R.T. e poco dopo veggo uscirne correndo il marinaio di servizio "telegrafa l'"Italia" - e corre via.
Vado in fretta ad avvisare il sig. Baccarani che sta ancora a tavola, ed egli esce e viene e si chiude nella cabina con gli altri. Ci raccomanda che si eviti ogni rumore lì intorno, e gli prometto che farò la guardia. Intanto vengono pian piano altri ufficiali.
Il sig. Striano si mette a guardare attraverso l'obloide e cerca di leggere qualche parola a mano a mano che l'ascoltatore le scrive - "Le coordinate trasmesse sono esatte" .... "Abbiamo due feriti". Sembra che la comunicazione arriva nettamente stavolta. Difatti si arresta un po', i nostri rispondono, e gli altri ripigliano la trasmissione.
"Mancano calzature... abbiamo viveri per cinquanta giorni... razionati! ... Mancano medicinali ... faremo fumate di segnale... ".
Intanto arriva il Comandante ed anche a lui dico che bisogna far silenzio, e non entra... "i motoristi, un attrezzatore... scienziato, giornalista...."? E' arrivato anche il Prof. Nobile al quale comunichiamo quel che abbiamo preso. Al sentire di due feriti si

This page contains the following annotations: