Page:APUG 2300 B2.djvu/134

From GATE
This page has not been proofread

Ten. di vascello Giovannini, gli ufficiali di aviazione Cropis [1] e Cagna [2] e non so chi altri.
Il Capitano Sora e gli alpini scendono a terra e restano per le future ricerche.
Alle 17 si suona il "posto di manovra". Che si parta davvero?
Alle 17.1/4 si salpa l'ancora - Si vira, si gira il Krassin, si parte.
Mare e cielo sono splendidi. La baia è seminata di iceblock.
Incontriamo delle balene, ne vediamo ripetutamente il getto e il dorso.

Osservo un bellissimo fenomeno di miraggio sull terra e sul profilo dei ghiacci che si incontrano a SudOvest - Un piroscafo è all'orizzonte e si vede moltiplicato in linea verticale in modo che la sezione nera verticale viene prolungata forse 15 o 20 altezze. Sui monti lontani della costa NordOvest dello Spitzberg si vede prolungata tutta una zona centrale in modo che il profilo dà l'impressione di una enorme città di grattacieli. Sui monti più vicini è prolungata in alto una zona vicina alla baia. Questo si osserva da coperta. Ma se si sale sul ponte, due metri o poco

  1. Vincenzo Cropis, inviato alle Svalbard come personale aeronautico per la preparazione della spedizione.
  2. Stefano Cagna (1901-1940), il secondo pilota di Umberto Maddalena.
This page contains the following annotations: