Page:APUG 2300 B2.djvu/12

From GATE
This page has not been proofread

AMDG


Domenica V aprile
Mons. Pizzardo mi telefona che il S. Padre approva la mia designazione. Anzi Egli ne ha già parlato al Gen. Nobile -"ma mi riceverà prima di parlare?"- "E come no!?".
Riferisco la risposta al P. Provinciale e poi al P. Generale che mi dà la decisione.
Me ne aveva parlato il P. Provinciale soltanto il giovedì precedente 29 marzo - feci subito a dar la mia offerta a compiere la Sua Volontà qualunque essa sia.
Nel pomeriggio alle 16 viene da me il Gen. Nobile. Mi riferisce i commenti che il S. Padre aveva fatto al mio nome. Il Generale mi esprime il Suo desiderio che io mi consideri fin d'ora come membro della spedizione aerea - Andrò allo Spitsberg sul "Città di Milano" [1], e quando sarà giunto là il dirigibile si farà il programma.[2]

Sabato Santo 7 aprile
Alle 19 mi ha ricevuto S. Santità e mi ha trattenuto circa tre quarti d'ora parlandomi delle altre spedizioni polari, delle Sue ascensioni alpine. -Padre Santo sarei ben felice se... - "Eh, io sto quì!....".

Mi ha dato ampia facoltà - tutta quella delle Congregazioni - anche il caso di una Messa ridotta " Eh! naturalmente bisogna badare a quella Convenienza propria del Santo Sacrificio - Si provveda di vino molto alcoolico - "Angelus Domini ... ducat et reducat".

  1. La "Città di Milano" è stata una nave posacavi della Regia Marina Italiana, appositamente modificata per poter navigare nei mari artici. Entry in Wikipedia
  2. Il Generale Nobile lascia intendere chiaramente a Padre Gianfranceschi che la sua partecipazione avrà non solo un carattere religioso, ma da scienziato e da studioso dovrà a tutti gli effetti considerarsi futuro membro dell'equipaggio in volo. Quanto udito sicuramente rassicura Padre Gianfranceschi, ciò soddisfando pienamente le sue aspettative.