Difference between revisions of "Page:EBC 1617 07 15 1881.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "8l Ven�se,15 ju�llet 1617. L'�veque de line � Bellarmin; minute de la -------------------------------------------- ^r�Bonse.-=---------- ^ Ill/mo et R/mo Signore pa...")
 
 
(One intermediate revision by the same user not shown)
Page statusPage status
-
Not proofread
+
Proofread
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
8l Ven�se,15 ju�llet 1617. L'�veque de line � Bellarmin; minute de la -------------------------------------------- ^r�Bonse.-=----------
+
Ill.mo et R.mo Signore patron mio colend.mo.
 +
<lb/>
 +
Trovandomi qui sequestrato con molto mio incommodo et disgusto, si per non haver passaggio, servendosi questi signori di tutti gli vasselli, come anco per intendere che il governator di Tine fa alla peggio contra la giurisditione mia et decreti di questo senato, il quale essendo occupatissimo nelle cose publiche può poco attendere alle private. Lodato sia Nostro Signore d'ogni cosa.<lb/>
 +
Una persona da bene dedicata allo Spirito desidera haver gratia dalla S.tà di N.S. che io qualche volta vada à celebrar la messa privatamente in una capella ornata di tutte le cose necessarie che ha in casa sua; però la supplico impetrargliela, meritandola per molte cause che non mi è permesso metter in carta.<lb/>
 +
Io non sto in otio, perche ogni giorno disganno molti della mala impressione che hanno contra la Compagnia. E' ben vero che la lettera del duca d'Osona (se pure è sua) hà molto esasperato gli animi, facendo nella sua lettera mentione della Compagnia, come V.S. Ill.ma deve haverla letta con la risposta datali. Tuttavia si và indolcendo gli animi acerbi con qualche frutto et con ragioni tali che non sano che rispondere. Sua D. Maestà gli faccia cognoscere la verita. Questi rev.di padri Agustiniani supplicano V.S. Ill.ma insieme con me che favorisca con questa espedittione il padre fra Agostino. Qui si è ricevuto il santissimo Giubileo con molta divotione, con processioni publiche et private: nelle private le persone andavano discalze; molte si battevano, etiam le done, delle quale molte vi sono convertite dalla mala vita che facevano. Sono date larghe limosine alli luoghi pii, et gli confessori hanno hauto la
 +
lor parte. Soccoraci la divina misericordia, perche d'ognibanda si sentono rumori et particularmente gli nemici della santa nostra fede festeggiano, vedendo la divisione dei christiani, dalla quale nasce la loro grandezza. Et per fine baciandoli humilissimamente
 +
<pb/>
  
^ Ill/mo et R/mo Signore patron mio colend/mo.
 
  
/^
+
[[Category:EBC_Proofread]]
 
 
Trovandomi qui sequestrato con molto mio incommodo et disgusto,
 
 
 
si per non haver passaggio, servendosi questi signori di tutti gli
 
 
 
vassalli, come anco per intendere che il governator di Tine fa al-
 
 
 
jTla peggio centra la giurisditione mia et decreti di questo senato,
 
 
 
il quale essendo occupatissimo nelle cose publiche pu� poco atten
 
 
 
dere alle private. Lodato sia Nostro Signore d'ogni cosa.
 
 
 
Una persona da bene dedicata allo Spirito desidera haver gratin
 
 
 
dalla S/t� di N.S. che io qualche volta vada � celebrar la messa
 
 
 
^privatamente in una capella ornata di tutte le cose necessarie che
 
 
 
ha in casa sua; per� la supplico impetrargliela, meritandola per
 
 
 
molte cause che non mi � permesso metter in carta.
 
 
 
Io non sto in otio, perche ogni giorno disganno molti della ma-
 
 
 
la impressione che hanno contra la Compagnia. E' ben vero ohe la
 
 
 
^^"lettera del duca d'Osona (se pure � sua) h� molto esasperato gli
 
 
 
animi, facendo nella sua lettera mentione della Compagnia, come V.
 
 
 
S.Ill/ma deve haverla letta con la risposta datali. Tuttavia si v�
 
 
 
indolcendo gli animi acerbi con qualche frutto et con ragioni tali
 
 
 
che non sano che rispondere. Sua D.Maest� gli faccia cognoscere la
 
 
 
verit�. Questi rev/di padri Agustiniani supplicano V.S.Ill/ma in
 
 
 
sieme con me che favorisca con questa espedittione il padre fra A-
 
 
 
gostino. Qui si � ricevuto il santissimo Giubileo con molta divoti-
 
 
 
one, con processioni publiche et private: nelle private le persone
 
 
 
andavano disca^^e; molte si battevano,etiam le done, delle quale
 
 
 
^^^molte vi sono convertite dalla mala vita che facevano. Sono date
 
 
 
larghe limosine alli luoghi pii, et gli confessori hanno hauto la
 
 
 
lor parte. Soccoraci la divina misericordia, perche d'ognib anda si
 
 
 
sentono rumori et particularmente gli nemici della santa nostra fe
 
 
 
de festeggiano, vedendo la divisione dei christiani, dalla quale
 
 
 
nasce la loro grandezza. Et per fine baciandoli humilissimamente
 
 
 
 
 
[[Category:EBC_Not proofread]]
 
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]

Latest revision as of 12:48, 12 November 2019

This page has been proofread


Ill.mo et R.mo Signore patron mio colend.mo.
Trovandomi qui sequestrato con molto mio incommodo et disgusto, si per non haver passaggio, servendosi questi signori di tutti gli vasselli, come anco per intendere che il governator di Tine fa alla peggio contra la giurisditione mia et decreti di questo senato, il quale essendo occupatissimo nelle cose publiche può poco attendere alle private. Lodato sia Nostro Signore d'ogni cosa.
Una persona da bene dedicata allo Spirito desidera haver gratia dalla S.tà di N.S. che io qualche volta vada à celebrar la messa privatamente in una capella ornata di tutte le cose necessarie che ha in casa sua; però la supplico impetrargliela, meritandola per molte cause che non mi è permesso metter in carta.
Io non sto in otio, perche ogni giorno disganno molti della mala impressione che hanno contra la Compagnia. E' ben vero che la lettera del duca d'Osona (se pure è sua) hà molto esasperato gli animi, facendo nella sua lettera mentione della Compagnia, come V.S. Ill.ma deve haverla letta con la risposta datali. Tuttavia si và indolcendo gli animi acerbi con qualche frutto et con ragioni tali che non sano che rispondere. Sua D. Maestà gli faccia cognoscere la verita. Questi rev.di padri Agustiniani supplicano V.S. Ill.ma insieme con me che favorisca con questa espedittione il padre fra Agostino. Qui si è ricevuto il santissimo Giubileo con molta divotione, con processioni publiche et private: nelle private le persone andavano discalze; molte si battevano, etiam le done, delle quale molte vi sono convertite dalla mala vita che facevano. Sono date larghe limosine alli luoghi pii, et gli confessori hanno hauto la lor parte. Soccoraci la divina misericordia, perche d'ognibanda si sentono rumori et particularmente gli nemici della santa nostra fede festeggiano, vedendo la divisione dei christiani, dalla quale nasce la loro grandezza. Et per fine baciandoli humilissimamente
---page break---