Difference between revisions of "Page:EBC 1616 02 20 1674.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "Category:EBC_Lovison_Not proofread Category:EBC_Letters Category:EBC_Pages <!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES! --> Rome ,...")
 
(Proofread)
Page statusPage status
-
Not proofread
+
Proofread
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 3: Line 3:
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
<!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES!  -->
 
<!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES!  -->
Rome ,20 f�vr�er 1616. Bellarmin � Anto�ne Cervini.
+
Molto Ill.re Sig.or Cugino, Io desiderando giovare al sig.or Marcello, ho pensato che saria bene, che V.S. l'essortasse à finire questa estate lo studio suo legale, procurando attendervi con ogni diligenza, et prevalendosi delle academie che suol fare con molto frutto il Dottore Lucharini, sotto il quale studiò l'Abbate nostro, et si è fatto tanto honore nell'esame avanti à NS.. et molti Cardinali, et Prelati, che fu stimato di gran lunga migliore delli due compagni suoi, et il Papa istesso, che è parchissimo di parole, ha detto all'Abbate finito l'essame, et poi à me in camera, che si era portato benissimo. Vorrei poi, che all'Ottobre venisse à Roma, in casa mia, senza spendere niente di casa, poi che non ci sarà più l'Abbate, et le stanze saranno vote: et attendesse allo studio della theologia nel nostro collegio, dove ha studiato filosofia, et io starei con l'animo riposato, che non pigliaria male pratiche: et si farebbe idoneo à'gradi, et offitii ecclesiastici, perche à chi ha da esser prelato, et haver cura di chiese, la legge poco giova: et l'Abbate dice, che se havesse pensato di dover'esser Vescovo, non haveria mai studiato legge, ma la Sacra Scrittura, et i santi Padri, et V.S. puo ricordarsi, che la S.ta memoria di Papa Marcello non fu legista, ma theologo, et versatiss.o nella Scrittura, et a.ti Padri, et però esso nel concilio di Trento hebbe cura di tutta la quinta, et sesta sessione, come lo scrive il Vega, dove si determinò il punto piu difficile, che è la giustificazione, et il Cardinale de Monti, suo collega, che era legista, non vi hebbe parte nessuna. V.S. ci pensi sopra, et mi creda, che la stanza di Roma quanto è buona, se si studii theologia, tanto è mala, se si studii legge. Con questo gli prego da Dio ogni prosperità. Di Roma li 20 di Febraro 1616.<br>
 
+
Di V.S. M.to Ill.re<br>
/ Molto 111/re Sig/or Cugino, Io desiderando giovare al sig/or
+
Cugino aff.mo per servirla<br>
 
+
Il Card. Bellarmino
Marcello, ho pensato ohe saria bene, che V.S. l'essortasse finire
 
 
 
questa estate lo studio suo legale, procurando attendervi con ogni
 
 
 
diligenza, et prevalendosi delle academie che suol fare con molto
 
 
 
jTfrutto il Dottore Lucherini, sotto il quale studi� l'Abbate nostro,
 
 
 
et si fatto tanto honore nell'esame avanti NS.. et molti Cardi
 
 
 
nali,et Prelati, che fu stimato di gran lunga migliore delli due
 
 
 
compagni suoi, et il Papa istesso, che parchissimo di parole, ha
 
 
 
detto all'Abbate finito l'essame, et poi me in camera, che si era
 
 
 
/^portato benissimo. Vorrei p&i, che all'Ottobre venisse Roma,in
 
 
 
casa mia, senza spendere niente di casa, poi che non ci sar� piu 1'
 
 
 
Abbate, et le stanze saranno vote: et attendesse allo studio della
 
 
 
theologia nel nostro collegio, dove ha studiato filosofia, et io
 
 
 
starei con l'animo riposato, che non pigliaria male pratiche: et si
 
 
 
/^Tfarebbe idoneo 'gradi,et offitii ecclesiastici, perche chi ha da
 
 
 
esser prelato,et haver cura di chiese, la legge poco giova: et l'Ab
 
 
 
bate dice, che se havesse pensato di dover'esser Vescovo, non beve
 
 
 
ria mai studiato legge, ma la Sacra Scrittura,et i santi Padri,et
 
 
 
V.S. pu� ricordarsi, che la S/ta memoria di Papa Marcello non fu le-
 
 
 
^^gista, ma theologo, et versatiss/o nella Scrittura,et s/ti Padri,
 
 
 
et per� esso nel concilio di Trento hebbe cura di tutta la quinta,
 
 
 
et sesta sessione, come lo scrive il Vega, dove si determin� il pun
 
 
 
to piu difficile, che la giustificazione, et il Cardinale de Mon
 
 
 
ti,suo collega, che era legista, non vi hebbe parte nessuna. V.S.
 
 
 
^^^ci pensi sopra, et mi creda,che la stanza di Roma quanto buona,se
 
 
 
si studii theologia, tanto mala,se si studii legge. Con questo gli
 
 
 
prego da Dio ogni prosperit�. Di Roma li 20 di Febraro 1616.
 
 
 
Di V.S. M^o
 
Mss.Cervin^ 53 fol.127. Orig.aut.
 
-^qadresse)
 
 
 
111/re
 
 
 
Cugino affamo per servirla Il ^ard. Bellarmino.
 
 
 
Al m/to ill/re Sig/or Cugino,il Sig/or Antonio Cercini.
 
 
 
/////
 
 
 
Montepulciano.
 
 
 
(cachet)
 

Revision as of 12:49, 12 February 2019

This page has been proofread

Molto Ill.re Sig.or Cugino, Io desiderando giovare al sig.or Marcello, ho pensato che saria bene, che V.S. l'essortasse à finire questa estate lo studio suo legale, procurando attendervi con ogni diligenza, et prevalendosi delle academie che suol fare con molto frutto il Dottore Lucharini, sotto il quale studiò l'Abbate nostro, et si è fatto tanto honore nell'esame avanti à NS.. et molti Cardinali, et Prelati, che fu stimato di gran lunga migliore delli due compagni suoi, et il Papa istesso, che è parchissimo di parole, ha detto all'Abbate finito l'essame, et poi à me in camera, che si era portato benissimo. Vorrei poi, che all'Ottobre venisse à Roma, in casa mia, senza spendere niente di casa, poi che non ci sarà più l'Abbate, et le stanze saranno vote: et attendesse allo studio della theologia nel nostro collegio, dove ha studiato filosofia, et io starei con l'animo riposato, che non pigliaria male pratiche: et si farebbe idoneo à'gradi, et offitii ecclesiastici, perche à chi ha da esser prelato, et haver cura di chiese, la legge poco giova: et l'Abbate dice, che se havesse pensato di dover'esser Vescovo, non haveria mai studiato legge, ma la Sacra Scrittura, et i santi Padri, et V.S. puo ricordarsi, che la S.ta memoria di Papa Marcello non fu legista, ma theologo, et versatiss.o nella Scrittura, et a.ti Padri, et però esso nel concilio di Trento hebbe cura di tutta la quinta, et sesta sessione, come lo scrive il Vega, dove si determinò il punto piu difficile, che è la giustificazione, et il Cardinale de Monti, suo collega, che era legista, non vi hebbe parte nessuna. V.S. ci pensi sopra, et mi creda, che la stanza di Roma quanto è buona, se si studii theologia, tanto è mala, se si studii legge. Con questo gli prego da Dio ogni prosperità. Di Roma li 20 di Febraro 1616.
Di V.S. M.to Ill.re
Cugino aff.mo per servirla
Il Card. Bellarmino