Difference between revisions of "Page:EBC 1615 03 07 1547.pdf/1"

From GATE
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 7: Line 7:
 
al Vicario, hoggi Vescovo di Bitetto, che li frutti di S.ta  
 
al Vicario, hoggi Vescovo di Bitetto, che li frutti di S.ta  
 
Mustila non si toccassero, finché non fossero con quei frutti pagato il
 
Mustila non si toccassero, finché non fossero con quei frutti pagato il
debito fatto er la speditione det lite. L'istesso ordinai anco di
+
debito fatto per la speditione et lite. L'istesso ordinai anco di
 
poi all'Abbate mio Nepote, et à Me Ruggiero, il che se havessero  
 
poi all'Abbate mio Nepote, et à Me Ruggiero, il che se havessero  
 
fatto et osservato, già goderebbero li frutti senza fastidio. Hora che
 
fatto et osservato, già goderebbero li frutti senza fastidio. Hora che

Revision as of 19:01, 3 February 2019

This page has not been proofread

Ill.ri e m.to Rev. Signori. Non hò da dire altro per risposta della lettera delle SS.VV. se non che si ricordino, che io ordinai al Vicario, hoggi Vescovo di Bitetto, che li frutti di S.ta Mustila non si toccassero, finché non fossero con quei frutti pagato il debito fatto per la speditione et lite. L'istesso ordinai anco di poi all'Abbate mio Nepote, et à Me Ruggiero, il che se havessero fatto et osservato, già goderebbero li frutti senza fastidio. Hora che la cura della chiesa non tocca à me, non posso far'altro che raccomndare le SS.VV. al Sig.r Ugo, si come farò, et Dio N.S. le contenti. Di Roma il di 7 di Marzo 1615.
Delle SS.VV.
per fargli servizio
Il Card.le Bellarmino.