Difference between revisions of "Page:EBC 1600 08 30 0114.pdf/1"

From GATE
(Proofread)
 
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
 
[[Category:EBC_Proofread]][[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Proofread]][[Category:EBC_Letters]]
Molto ill^^ et Rev^^ Sig^^ Governatore.<lb/>  
+
Molto ill.re et Rev.do Sig.re Governatore.<lb/>  
Avendo io licent�ato per giuste cause il mio segretario chiama
+
Avendo io licenziato per giuste cause il mio segretario chiamato Messer Gio. Battista Uberti da Città di Castello, egli se ne venne Domenica mattina nella mia anticamera, con dare delle mentite al mio coppiere, non avendo rispetto né a me, al Papa, nel di cui Palazzo Apostolico io abito; et ora va sparlando per Roma delli miei servitori molte cose false; onde ci è pericolo non intervenga qualche male.<lb/>
to Messer Gio.Battista Uberti da C i t t ^ d i Castello, egli se ne v e n  ne Domenica mattina nella mia anticamera, con dare delle mentite ^ ^ a l mio coppiere, non basendo rispetto n� � me, ne al Papa, nel di cui Palazzo Apostolico io habito; et hor� v� sparlando per Roma dell! miei servitori molte cose false; onde ci pericolo non in tervenga qualche male.<lb/>
+
Ho parlato di questo all'Ill.mo Sig. Card. Aldobrandini, il quale voleva farlo carcerare, ma non mi curando io di tanto, mi ha detto, che ne dia avviso a V. S., et che lei gli faccia un precetto di andare fuori di Roma, e che intenda, che né ha buon mercato. Di più desidero che V. S. gli faccia anco precetto, che mi mandi le scritture appartenenti alla segretaria, et in particolare le lettere latine, che sono tutte composizioni mie. Con questo me li offerò di vero cuore. Dalle stanze li 30 Agosto 1600.<lb/>
H� parlato di questo all'Ill^'� Sig. Card. Aldobrandino, il quale voleva farlo carcerare, ma non mi curando io di tanto, mi ha detto, che ne dia avviso V. S., et che lei gli faccia u n p r e c e t  to di andare fuora di Roma, e che intenda,che ne h� buon mercato. Di pi� desidero che V. S. gli f a c c i a anco precetto, che mi mandi le scritture appartenenti alla segretaria, et in particolare le lettere latine, che sono tutte compositioni mie. Con questo me li affer� di vero cuore. Dalle stanze li 30 Agosto 1600.<lb/>
 
 
Di V. S. Molt Illustre e R.ma<lb/>  
 
Di V. S. Molt Illustre e R.ma<lb/>  
 
Come fratello Aff.mo<lb/>  
 
Come fratello Aff.mo<lb/>  
 
Il Card. Bellarmino.
 
Il Card. Bellarmino.

Revision as of 12:42, 24 March 2017

This page has been proofread

Molto ill.re et Rev.do Sig.re Governatore.
Avendo io licenziato per giuste cause il mio segretario chiamato Messer Gio. Battista Uberti da Città di Castello, egli se ne venne Domenica mattina nella mia anticamera, con dare delle mentite al mio coppiere, non avendo rispetto né a me, né al Papa, nel di cui Palazzo Apostolico io abito; et ora va sparlando per Roma delli miei servitori molte cose false; onde ci è pericolo non intervenga qualche male.
Ho parlato di questo all'Ill.mo Sig. Card. Aldobrandini, il quale voleva farlo carcerare, ma non mi curando io di tanto, mi ha detto, che ne dia avviso a V. S., et che lei gli faccia un precetto di andare fuori di Roma, e che intenda, che né ha buon mercato. Di più desidero che V. S. gli faccia anco precetto, che mi mandi le scritture appartenenti alla segretaria, et in particolare le lettere latine, che sono tutte composizioni mie. Con questo me li offerò di vero cuore. Dalle stanze li 30 Agosto 1600.
Di V. S. Molt Illustre e R.ma
Come fratello Aff.mo
Il Card. Bellarmino.