Page:EBC 1599 03 03 0005.pdf/1

From GATE
Revision as of 12:31, 28 February 2018 by Lorenzo Mancini (talk | contribs) (Validated)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
This page has been validated

Ser.mo Sig.re mio oss.mo.
Fuori d'ogni mio merito, et espettatione, questa matina N. S.re senza volermi ammettere scusa veruna, mi ha promosso alla dignità del Card. Così ho fatta l'obedienza, et ne dò aviso a V. A. la qual supplico a credere, ch'ella hà fatt'acquisto d'un nuovo, benché inutile servitore, in questo Sacro Collegio. Desiderarò pur sempre d'esser buono a qualche cosa, per servirlo. Però diamene occas.ne V. A. co' l favore de' suoi comandamenti, mentr'io di qua le baccio le mani, et resto pregando il S.re Dio, per ogni sua feliciss.a prosperità. Di Roma li 3 di Marzo 1599.
Di V. R. Ser.ma.
Aff.mo Servitore
Roberto Card. Bellarmino.