Difference between revisions of "Page:AKC 1666 10 20 555-134.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "Molto <abbr>R.do Prd</abbr> Deve credere la <abbr>S.V.</abbr> che <lb/> della <unclear><abbr>gratiss.a</abbr></unclear> sua di del <abbr>con.te</abbr> il medesimo")
 
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
 
Molto <abbr>R.do Prd</abbr> Deve credere la <abbr>S.V.</abbr> che       
 
Molto <abbr>R.do Prd</abbr> Deve credere la <abbr>S.V.</abbr> che       
<lb/>    della <unclear><abbr>gratiss.a</abbr></unclear> sua di    del <abbr>con.te</abbr>  il medesimo
+
<lb/>    della <unclear><abbr>gratiss.a</abbr></unclear> sua di    del <abbr>con.te</abbr>  il medesimo<noinclude><references/></div></noinclude>
 +
<head>Molto <abbr>Rev.</abbr> Padre</head>
 +
Deve credere la P.V. chè      della grazia. sua di R. del conte: il medesimo delle <unclear><abbr>prop.</abbr></unclear> qualità virtuose , è in quello che ella gli accresce con le sue raccomandazioni può conforme egli spera <unclear>attende</unclear> da me  segni d'affetto, bramando io di <unclear>prelevare</unclear> sempre più a <abbr>V.P.</abbr> non solamente la parzialità di quella cosa che io son solito di <unclear>corrispondente</unclear>, e la stima che fò di sua Persona, mà ancora il desiderio che conservo di giovare à chi  dipende dà lei. Me ne porga dunque la <abbr>P.V.</abbr> nuove occasioni, <unclear>mentre</unclear> con questo me le <unclear>offerisco</unclear> di cuore. Di Firenze Novembre 166
Footer (noinclude):Footer (noinclude):
Line 1: Line 1:
<references/>
+
 

Revision as of 16:48, 19 January 2017

This page has not been proofread


Molto R.do Prd Deve credere la S.V. che


della <abbr>gratiss.a</abbr> sua di del con.te il medesimo

Molto <abbr>Rev.</abbr> Padre Deve credere la P.V. chè della grazia. sua di R. del conte: il medesimo delle <abbr>prop.</abbr> qualità virtuose , è in quello che ella gli accresce con le sue raccomandazioni può conforme egli spera attende da me segni d'affetto, bramando io di prelevare sempre più a V.P. non solamente la parzialità di quella cosa che io son solito di corrispondente, e la stima che fò di sua Persona, mà ancora il desiderio che conservo di giovare à chi dipende dà lei. Me ne porga dunque la P.V. nuove occasioni, mentre con questo me le offerisco di cuore. Di Firenze Novembre 166