Page:APUG 2300 B2.djvu/50

From GATE
This page has not been proofread

Durante il giorno sentiamo che a bordo del dirigibile tutto va bene ma non abbiamo particolari sulla rotta.
Prima di andare a dormire avverto l'ufficio Radio di avvisarmi subito a qualunque ora nel caso che il Generale Nobile telegrafasse per me.

24 maggio giovedì. Ottava dell'Ascensione.
All'una mi chiamano dicendo che il Generale Nobile dal dirigibile in volo desidera comunicare con me. Mi levo in fretta e vado su all'ufficio Radio. Il Generale mi fa dire che alle 1.30 precise lascerà cadere la Croce sul posto.
Preparo subito un telegramma per il Santo Padre così:

Sua Santità Pio XI - Roma In questo momento ore 1.30 Generale Nobile infigge sul Polo la Croce benedetta Santità Vostra, vessillo, auspicio trionfo segno di Cristo su tutte le genti - G.

Poi vado sul ponte di comando a recitare le preghiere preparate.
Il Comandante Romagna mi dice "Mi dispiace che non posso darle gente per assistere" - E vado da me solo, mi metto la stola e invito gli Angeli ad assistere e a portare i miei voti. E rivolto verso il Nord recito le preci domandando al Signore che il Regno di Cristo sia esteso su tutte le genti e tutti i popoli.
Il telegramma del Generale era così:
P. Gianfranceschi IGJ
Siamo a mezz'ora dal Polo alle ore 1.30 lascerò cadere la croce.
Nobile

This page contains the following annotations: