Page:APUG 2300 B2.djvu/126

From GATE
This page has not been proofread

14 luglio Sabato
Verso le otto vedo un transatlantico a 3 ciminiere entrare nella baia ma poi non lo vedo più. Mi hanno detto che è entrato nella Cross Bay [1] e poi verrà qui. Dopo mezzogiorno viene il Tanja e poi il piroscafo "Reliance" Hamburger Dm. Line che porta varie centinaia di turisti americani. C'è capitato il maestro di casa che voleva acquistare qualche cosa di viveri e gli hanno regalato tre o quattro casse di roba e hanno mandato fiori al Generale. Più tardi viene a bordo il Capitano e va a far visita al Generale e invita a pranzo sul piroscafo il Comandante e gli ufficiali. Ne vanno sette o otto compreso Maddalena, Penzo, Sora, e sono ricolmati di cortesie.
Dopo pranzo alle 22 andiamo al pontile per far carbone. Intanto parte il "Reliance" e giunge l'"Arcadian" transatlantico inglese. I turisti si fermano intorno alla nostra nave, parlano con chi possono, e qualcuno è riuscito a venire a bordo a parlare col Generale.[2]

Si parla di ritorno in Italia. Dicono che si parte tra quattro o cinque giorni. Possibile? Più tardi ho inteso il Comandante dare ordine al Commissario Penza di liquidare i conti con la società del carbone perchè ha ordine di andar con la nave in Norvegia. Dunque è vero?

  1. Krossfjorden è posto dirimpetto a Nord della King's Bay e dell'omonimo fiordo.
  2. In tutta evidenza, questa assomiglia cronaca dei nostri giorni: quasi cent'anni fa, già allora, piroscafi e transatlantici si avventuravano in zone artiche, prime avvisaglie del turismo di massa alla ricerca di forti emozioni.
This page contains the following annotations: