Page:Indice Pallavicino 1656-1657.djvu/5

From GATE
Revision as of 10:30, 14 May 2019 by ArchivesPUG (talk | contribs) (top: clean up)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
This page has not been proofread


nel Concilio di Trento agli anni di Paolo Terzo; l. 6. c. 1. n. 6. recita un'esortazione a' Vescovi in nome de' Presidenti; l. 6 . c. 5. n. 1. stende una lunga Relazione sopra il Concilio di quel tempo; l. 11. c. 11. n. 1. ritorna à Trento col medesimo uffizio in tempo di Giulio; l. 11. c. 14. n. 1. ottiene il Vescovado di Telesia da Paolo Quarto; l. 14. c. 7. n. 6. è rimandato al Concilio nell'ultima aprizione; l. 15. c. 11. n. 2. gli suppliscono alcuni in varie sue malattie; l. 16. c. 12. n. 9. l. 19. c. 15. n. 1. l. 21. c. 3. n. 17. e c. 12. n. 1. ammette i Procuratori Alemanni al voto decisivo con dispiacere de' Legati; l. 18. c. 4. n. 12. e l. 20. c. 17. n. 8. cade in sospetto a' Cesarei ed a' Francesi; i quali richieggono nuovi aggiunti; e sodisfazione data loro; l. 19. c. 4. n. 1. l. 20. c. 4. n. 2. c. 9. n. 1. e l. 21. c. 2. n. 7.
Angelo Pasquale Vescovo di Motola discorre con molta erudizione intorno al peccato originale; l. 7. c. 8. n. 4. e 5.
Anna Bolena; vedi Enrico Ottavo.
Annate che riscuotono i Papi i qual maniera furono imposte; l. 2. c. 8. n. 3. 4. e 5. Editti promulgati in Francia sopra di esse; l. 18. c. 1. n. 3. 4. 5. e 6. difesa loro in Concilio per li Prelati in quel Reame; e bugia del Soave; l. 23. c. 3. n. 3.
Annibale Altemps Nipote di Pio Quarto è spedito da esso in Ispagna dopo la sua elezione; l. 14. c. 13. n. 1.
Annibale Ruccellai famigliare del Cardinal Caraffa và in Francia per istabilire una lega contra gli Spagnuoli; l. 13. c. 14. n. 11.
Antonio Agostino Uditor di Ruota Nunzio di Giulio Terzo nell'Inghilterra; l. 13. c. 10. n. 4. 5. e 6. malignità del Soave verso la sua persona; l. 17. c. 7. n. 15.
Antonio Borbone Re di Navarra rende ubbidienza à Pio Quarto accettata con dispiacere degli Spagnuoli; l. 15. c. 1. n. 1. e 2. rimane alla soprintendenza della Francia dopo la morte di Francesco Secondo; ivi n. 3. diligenze del Vescovo d'Arras per mitigarlo; ivi n. 4. interessi, e pratiche col Pontefice; l. 15. c. 14. n. 5. 6. e 13. operazioni in vantaggio della Fede Cattolica; l. 16. c. 3. n. 5. 6. e 7. sua morte; l. 19. c. 5. n. 13.
Antonio Caraffa Duca di Somma è mandato in Francia da Paolo Quarto per cagion della Lega; l. 13. c. 16. n. 3.
Antonio Caraffa Marchese di Montebello come sia investito di quel Dominio; l. 13. c. 16. n. 3. discordie frà esso e il Duca di Guisa nell'assedio di Civitella; l. 14. c. 2. n. 2. suo discacciamento da Roma; l. 14. c. 7. n. 4.
Antonio Cerronio Vescovo d'Amelia approva l'annullamento de' Clandestini; l. 22. c. 4. n. 12.
Antonio Ciurelia Vescovo di Budoa s'oppone con maniere ridicolose e mordaci alle proposte de' Legati; e loro risentimento; l. 19. c. 16. n. 15. l. 20. c. 2. n. 7.
Antonio Covarruvia Uditore della Cancellaria di Granata recita il protesto del Conte di Luna in rispetto alla precedenza; l. 21. c. 1. n. 1.
Antonio Crivelli Vescovo di Cariati Nunzio in Ispagna, s'adopera col Re Filippo pel felice progresso del Sinodo; l. 19. c. 12. n. 5.
Antonio Elio famigliare di Paolo Terzo, e indi Vescovo di Pola, e Patriarca Gerosolimitano, è mandato al Cardinal Cervini in Bologna; l. 10. c. 5. n. 2. suoi voti in Concilio à tempo di Pio sopra la concessione del Calice, sopra l'esenzione de' Capitoli, e sopra l'annullamento de' Clandestini; l. 18. c. 4. n. 3. l. 23. c. 3. n. 14. c. 5. n. 18. e c. 9. n. 3.
Antonio Facchenetti Vescovo di Nicastro è commendato altamente da' Legati Tridentini; l. 21. c. 2. n. 11. suo parere intorno alla riformazione de' Vescovi; l. 21. c. 4. n. 2.
Antonio Filoli Arcivescovo d'Aix rimane in Trento dopo la partita degli altri Francesi; l. 5. c. 16. n. 7. venuta di esso à Bologna; l. 10. c. 4. n. 4. ripugnanza d'andar à Roma per difesa della traslazione; l. 10. c. 15. n. 2.
Antonio Floribello Segretario del Legato Crescenzio risponde ad una orazione latina nell'ingresso à Trento del suo padrone; l. 11. c. 14. n. 2. passa al servigio del Cardinal Polo dopo la morte del primo; ed è mandato da esso all'Imperadore per gli affari dell'Inghilterra; l. 13. c. 7. n. 6.
Antonio Gabrielli Romano ricusa d'andar à Trento per Avvocato del Concilio; l. 6. c. 1. n. 2.
Antonio Maria Graziani Segretario del Commendone scrive un sommario di risposte, sopra alcuni articoli dell'Imperadore; l. 20. c. 4. n. 5.
Antonio Perenotti Vescovo d'Arras, e sue qualità; l. 4. c. 11. n. 9. va Rappresentante di Cesare à una Dieta di Norimberga; l. 5. c. 4. n. 5. e 16. comparisce à Trento nel suo passaggio; e recita quivi una pubblica orazione; ivi n. 5. 10. 11. e 12. negoziati in Germania col Cardinale Sfondrato sopra il caso di Pierluigi Farnese, e sopra la seguita translazion del Concilio; l. 10. c. 5 n. 3. 5. e 6. suo sdegno contra i Caraffi; l. 13. c. 15. n. 2. diligenze per guadagnare il Re di Navarra; l. 15. c. 1. n. 4. promozione al Cardinalato; l. 15. c. 6. n. 4. trattati col Commendone intorno all'adunamento del Sinodo; l. 15. c. 7. n. 5. lettere al Pontefice sopra i concetti e sopra la trattazione del Baio e dell'Heffel venuti à Trento; l. 21 c. 7. n. 4.
Antonio del Monte è rimunerato della porpora da Giulio Secondo per un atto intrepido di giustizia; l. 1. c. 1. n. 3. e l. 5. c. 8. n. 3.
Antonio Muglizio Arcivescovo di Praga Oratore di Ferdinando come di Cesare al Concilio di Trento; l. 15. c. 20. n. 1. istanze fatte da esso per la concessione del Calice; l. 17. c. 14. n. 12. suo voto intorno al prolungamento della settima Sessione; l. 19. c. 16. n. 15. disparere co' Legati sopra il tralasciarla