Difference between revisions of "Page:EBC 1619 03 30 2091.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "Rome,30_mar3 1619. Bellarmin � Frangois-M. Cervini. 4591 / Molto Ili/re Sig/or Nipote, Ho scritto, rispondendo al sig/or Antonio, che non habbia � male, che la sua figli...")
 
(Proofread)
 
Page statusPage status
-
Not proofread
+
Proofread
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
Rome,30_mar3 1619. Bellarmin � Frangois-M. Cervini.
+
Molto Ill.re Sig.or Nipote, Ho scritto, rispondendo al sig.or Antonio, che non habbia à male, che la sua figliola habbia partorito un'altra femina, perche la divina previdenza sa molto bene quello che fa, et per il piu ordina le cose à maggiore utilità delle sue creature. Questo dico, à ci, se la sua consorte, mia mipote, facesse ancor lei un'altra femina, piglino allegramente ogni cosa dalla mano di Dio. Quando la mia Cugnata partoriva, io solveo mandargli un fiasco di malvagia, perche mio fratello lo domandava. Alla consorte di V.S. non l'ho mandata, perche nessuno me l'ha domandata, et io ho tante occupationi, che non ci penso, se qualcheduno non me lo ricorda. Ma io dirò al sig.or Marcello, che me lo ricordi, quando sarà tempo. Prego à V.S. et à tutta la casa le buone feste, et ogn'altra consolatione. Di Roma li 30 di Marzo 1619.<lb/>
 +
Di V.S. molto Ill.re <lb/>
 +
Zio aff.mo<lb/>
 +
Il Card.le Bellarmino.<lb/>
 +
Al m.to ill.re Sig.or Nipote, il Sig.or Francesco Maria Cervini<lb/>
 +
Montepulciano.
  
4591
 
  
/ Molto Ili/re Sig/or Nipote, Ho scritto, rispondendo al sig/or Antonio, che non habbia � male, che la sua figliola habbia partorito un'altra femina, perche la divina previdenza sa molto bene quello che fa, et per il piu ordina le cose � maggiore utili-
 
.^*t� delle sue creature. Questo dico,� ci, se la sua consorte,mia mipote, facesse ancor lei un'altra femina, piglino allegramente ogni cosa dalla mano di Dio. Quando la mia Cugnata partoriva, io solveo mandargli un fiasco di malvagia, perche mio fratello lo domandava. Alla consorte di V.S. non l'ho mandata, perche nessuno
 
/^^me l'ha domandata, et io ho tante occupationi, che non ci penso, se qualcheduno non me lo ricorda. Ma io dir� al sig/or Marcello, che me lo ricordi, quando sar� tempo. Prego � V.S. et � tutta la casa le buone feste, et ogn'altra consolatione. Di Roma li 30 di Marzo 1619. Di V.S. molto Ill/re Zio affmo Il Card/le Bellarmino. Al m/to ill/re Sig/or Nipote,il Sig/or Francesco Maria Cervini (cachet) Montepulciano.
 
  
Mss. Cervini 54 fol.33. Orig. autogr.
 
  
 
+
[[Category:EBC_Proofread]]
[[Category:EBC_Not proofread]]
 
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]

Latest revision as of 11:46, 14 February 2020

This page has been proofread


Molto Ill.re Sig.or Nipote, Ho scritto, rispondendo al sig.or Antonio, che non habbia à male, che la sua figliola habbia partorito un'altra femina, perche la divina previdenza sa molto bene quello che fa, et per il piu ordina le cose à maggiore utilità delle sue creature. Questo dico, à ci, se la sua consorte, mia mipote, facesse ancor lei un'altra femina, piglino allegramente ogni cosa dalla mano di Dio. Quando la mia Cugnata partoriva, io solveo mandargli un fiasco di malvagia, perche mio fratello lo domandava. Alla consorte di V.S. non l'ho mandata, perche nessuno me l'ha domandata, et io ho tante occupationi, che non ci penso, se qualcheduno non me lo ricorda. Ma io dirò al sig.or Marcello, che me lo ricordi, quando sarà tempo. Prego à V.S. et à tutta la casa le buone feste, et ogn'altra consolatione. Di Roma li 30 di Marzo 1619.
Di V.S. molto Ill.re
Zio aff.mo
Il Card.le Bellarmino.
Al m.to ill.re Sig.or Nipote, il Sig.or Francesco Maria Cervini
Montepulciano.