Difference between revisions of "Page:EBC 1616 01 23 1667.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "Category:EBC_Lovison_Not proofread Category:EBC_Letters Category:EBC_Pages <!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES! --> Rome,2...")
 
m (top: added Template:TurnPage, replaced: <references/> → <references/> {{TurnPage}})
 
(8 intermediate revisions by 2 users not shown)
Page statusPage status
-
Not proofread
+
Proofread
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
[[Category:EBC_Lovison_Not proofread]]
+
[[Category:EBC_Proofread]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
<!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES!  -->
+
Molto ill.re Sig.or Cugino, Mi scrive mio fratello, che pensa di dare la sua figliola Ipolita per moglie ad un certo Livio Tarugi, quale io non cognosco, et la causa di darla à questa persona, credo che sia, perche essendo zoppa non trovarà maggior conditione. Io gli scrivo, che ne dia parte à parenti nostri, et principalmente à V. S. et che senta il parer loro. Et quanto alla dote gli dico, che non pretendo dargli tre mila scudi, ma due mila, per non ugualarla à Maria, che è maritata in casa molto piu nobile, et piu ricca. Haverò caro sapere il giuditio di V. S. cosi quanto alla persona, come quanto alla dote. Il Papa ha voluto honorare l'Abbate, mio Nipote, del Vescovado di Theana, che è chiesa mediocre. Se il Sig.or Marcello nostro arrivasse in vita mia all'età debita, non saria difficile, provederlo di cosa simile, se bene, anco senza me, se faccia quel profitto nella scienza,et virtù, che io spero et desidero, Iddio lo tirarà à grado maggiore, ma bisogna in tutto rimetterci alla divina providenza, et voluntà. Con questo gli prego da Dio ogni consolatione. Di Roma li 23. di Gennaro 1616.<br>
Rome,23 janvier I6l6. Bellarmin � Anto�ne Cervini.
+
Di V. S. m.to ill.re<br>
 
+
Cugino aff.mo per servirla<br>
!^67
+
il Card.le Bellarmino.
 
 
/ Molto i H / r e Sig/or Cugino, Mi scrive mio fratello, che pen
 
 
 
sa di dare la sua figliola Ipolita per moglie ad un certo Livio Ta-
 
 
 
rugi, quale io non cognosco, et la causa di darla questa persona,
 
 
 
credo che sia, perche essendo zoppa non trovare maggior conditione.
 
 
 
jTlo gli scrivo, che ne dia parte g'parenti nostri, et principalmente
 
 
 
V.S. et che senta il parer loro. Et quanto alla dote gli dico,
 
 
 
che non pretendo dargli tre mila scudi, ma due mila, per non ugual-
 
 
 
arla � Maria, che maritata in casa molto piu nobile,et piu ricca.
 
 
 
Haver� caro sapere il giudit�o di V.S. cosi quanto alla persona,co-
 
 
 
/^7me quanto alla dote. Il Papa ha voluto honorare l'Abbate,mio Nipote,
 
 
 
del Vescovado di Theana, che ^ chiesa mediocre. Se il Sig/or Mar
 
 
 
cello nostro arrivasse in vita mia all'et� debita, non saria diffi
 
 
 
cile,provederlo di cosa simile, se bene,anco senza me, se faccia
 
 
 
quel profitto nella scienza,et virt�, che io spero et desidero, Id-
 
 
 
/^^dio lo tirar� � grado maggiore, ma bisogna in tutto rimetterci alla
 
 
 
divina providenza,et volunt�. Con questo gli prego da Dio ogni con-
 
 
 
solatione. Di Roma li 23.di Gennaro 1616.
 
 
 
Di V.S. m/to ill/re Cugino aff/mo per servirla il Card/le Bellarmino.
 
(adresse): Al ^/to ill/re sig/or Cugino, il Sig/or Antonio Cervini.
 
 
 
Montepulciano
 
 
 
(cachet)
 
 
 
Mss. Cervini 53 fol.125. Orig. autogr.
 
Footer (noinclude):Footer (noinclude):
Line 1: Line 1:
<references/>
+
<references/> {{TurnPage}}

Latest revision as of 14:18, 6 May 2020

This page has been proofread

Molto ill.re Sig.or Cugino, Mi scrive mio fratello, che pensa di dare la sua figliola Ipolita per moglie ad un certo Livio Tarugi, quale io non cognosco, et la causa di darla à questa persona, credo che sia, perche essendo zoppa non trovarà maggior conditione. Io gli scrivo, che ne dia parte à parenti nostri, et principalmente à V. S. et che senta il parer loro. Et quanto alla dote gli dico, che non pretendo dargli tre mila scudi, ma due mila, per non ugualarla à Maria, che è maritata in casa molto piu nobile, et piu ricca. Haverò caro sapere il giuditio di V. S. cosi quanto alla persona, come quanto alla dote. Il Papa ha voluto honorare l'Abbate, mio Nipote, del Vescovado di Theana, che è chiesa mediocre. Se il Sig.or Marcello nostro arrivasse in vita mia all'età debita, non saria difficile, provederlo di cosa simile, se bene, anco senza me, se faccia quel profitto nella scienza,et virtù, che io spero et desidero, Iddio lo tirarà à grado maggiore, ma bisogna in tutto rimetterci alla divina providenza, et voluntà. Con questo gli prego da Dio ogni consolatione. Di Roma li 23. di Gennaro 1616.
Di V. S. m.to ill.re
Cugino aff.mo per servirla
il Card.le Bellarmino.