Difference between revisions of "Page:EBC 1616 01 16 1665.pdf/1"

From GATE
(Proofread)
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 3: Line 3:
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
<!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES!  -->
 
<!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES!  -->
Molto ill.re sig.or nipote. Le controversie non si possono mandare, se non con qualche buona commodità, perche sono cinque tomi assai grossi, et io non credo, che sia bene, che V.S. mentre studia legge, si occupi nelle controversie, à ciò che uno studio non guasti l'altro. Solamente ho voluto sapere, se V.S. le haveva, à ciò non havendole possa conservarle per lei, quando tornarà a Roma. Et se pure le vole hora; avisi in che modo si possino mandare senza molta spesa, perche stanno al comando suo. Iddio la conservi sana, et gli dia forza, et spirito per riuscire un'eminente personaggio in dottrina, et virtù, et in quel grado, che piacerà à di Dio di adoperarla. Di Roma li 16. di Gennaro 1616.<br>
+
Molto ill.re sig.or nipote, Le controversie non si possono mandare, se non con qualche buona commodità, perche sono cinque tomi assai grossi, et io non credo, che sia bene, che V.S. mentre studia legge, si occupi nelle controversie, à ciò che uno studio non guasti l'altro. Solamente ho voluto sapere, se V.S. le haveva, à ciò non havendole possa conservarle per lei, quando tornarà a Roma. Et se pure le vole hora; avisi in che modo si possino mandare senza molta spesa, perche stanno al comando suo. Iddio la conservi sana, et gli dia forza, et spirito per riuscire un'eminente personaggio in dottrina, et virtù, et in quel grado, che piacerà à di Dio di adoperarla. Di Roma li 16. di Gennaro 1616.<br>
 
Di V.S. m.to ill.re<br>
 
Di V.S. m.to ill.re<br>
 
Zio aff.mo<br>
 
Zio aff.mo<br>

Revision as of 20:18, 11 February 2019

This page has been proofread

Molto ill.re sig.or nipote, Le controversie non si possono mandare, se non con qualche buona commodità, perche sono cinque tomi assai grossi, et io non credo, che sia bene, che V.S. mentre studia legge, si occupi nelle controversie, à ciò che uno studio non guasti l'altro. Solamente ho voluto sapere, se V.S. le haveva, à ciò non havendole possa conservarle per lei, quando tornarà a Roma. Et se pure le vole hora; avisi in che modo si possino mandare senza molta spesa, perche stanno al comando suo. Iddio la conservi sana, et gli dia forza, et spirito per riuscire un'eminente personaggio in dottrina, et virtù, et in quel grado, che piacerà à di Dio di adoperarla. Di Roma li 16. di Gennaro 1616.
Di V.S. m.to ill.re
Zio aff.mo
il Card.le Bellarmino
(adresse):
Al m.to ill.re sig.or Nipote, il Sig.or Marcello Cervini.
Siena. (cachet)