Difference between revisions of "Page:EBC 1613 01 23 1262.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "Category:EBC_Not proofread Category:EBC_Letters Category:EBC_Pages <!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES! --> Rome,23 janv....")
 
m (top: added Template:TurnPage, replaced: <references/> → <references/> {{TurnPage}})
 
(5 intermediate revisions by 2 users not shown)
Page statusPage status
-
Not proofread
+
Proofread
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
[[Category:EBC_Not proofread]]
+
[[Category:EBC_Proofread]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
<!-- PLEASE START TRANSCRIPTION UNDER THIS LINE. DO NOT EDIT PREVIOUS LINES!  -->
 
Rome,23 janv. 1613<
 
  
Bellarmin au Cardinal Gonzague.
+
Ill.<sup>mo</sup> et R.<sup>mo</sup> Sig<sup>or</sup> mio oss.<sup>mo</sup><br />
 
+
Come havrà visto V. S. Ill.<sup>ma</sup> ero già condoluto della morte del Ser.<sup>mo</sup> S.<sup>r</sup> Duca frello de V. S. Ill.<sup>ma</sup> et S.<sup>r</sup> mio, che sia in cielo, dolendomi anche di non haverla potuto riverire prima della partenza sua da questa corte. Hora ricevo il favore della benigniss.<sup>a</sup> sua lettera per la quale et mi parte della perdita del Ser.<sup>mo</sup> S.<sup>re</sup> Duca, et mi assicura della sua buona gratia. Ne resto però oblig.<sup>mo</sup> à V. S. Ill.<sup>ma</sup> assicurandola che vivo quà in deposito per ser.<sup>la</sup> et obedirla sempre, ne potrò consolarmi itieram.<sup>te</sup> mentre ch'io non riceva il favore di suoi comandam.<sup>ti</sup> de'quali ne fupp.<sup>co</sup> V. S. Ill<sup>ma</sup> et gli faccio hum.<sup>a</sup> riverenza pregandogli un'corso di vita longa, et feliciss.<sup>a</sup><br />
^62
+
Di Roma il di 23 di Genaro 1613.<br />
 
+
Di V. S. Ill.<sup>ma</sup> et R.<sup>ma</sup><br />
/
+
Mi astendo del titolo di Sereniss.<sup>o</sup> perche mi n'e detto, che questo è per hora la sua volontà.<br />
 
+
humiliss.<sup>o</sup> et devotiss.<sup>o</sup> servitor<br />
111^^ et
+
R. Card.<sup>le</sup> Bellarmino.<br />
 
+
<br />
Sig�^ mio oss"^
+
S.<sup>r</sup> Card.<sup>le</sup> Gonzaga. Mantova.
 
 
Come havr� visto V.S.Ill^^mi ero gi� condoluto della morte del
 
 
 
Ser^^ Duca fr�llo di V.S.111^^ et mio, che sia in cielo, do
 
 
 
lendomi anche di non haverla potuto riverire prima della partenza
 
 
 
.^^sua da questa corte. Hora ricevo il favore della benigniss^ sua
 
 
 
Ira per la quale et mi d� parte della perdita del Ser^^
 
 
 
Duca,
 
 
 
et mi assicura della sua buona gratia. Ne resto per� oblig"^ � V.S.
 
 
 
Ilima assicurandola che vivo qu� in deposito per ser^^ et obedirla
 
 
 
sempre, ne potr� consolarmi intieram mentre ch'io non riceva il
 
 
 
favore di suoi comandam^^ de'quali ne fupp�� V.S.111^^ et gli fac
 
 
 
cio hum^ riverenza pregandogli un'corso di vita longa, et feliciss^
 
 
 
Di Roma il di 23 di Genaro 1613.
 
 
 
Di V.S.111^^ et R^^
 
 
 
Mi astendo del titolo di Sereniss� perche mi n'e detto,
 
 
 
/^"che questo per hora la sua volont�.
 
 
 
humiliss^ et devotiss� servitor R. Cardle Bellarmino.
 
 
 
S^ Card^^ Gonzaga. Mantova.
 
 
 
Mantoue.Archiv.Stor.Gonzaga. Lett.di Card^^,16l3. P.S.et sign.de B.
 
Footer (noinclude):Footer (noinclude):
Line 1: Line 1:
<references/>
+
<references/> {{TurnPage}}

Latest revision as of 13:00, 6 May 2020

This page has been proofread


Ill.mo et R.mo Sigor mio oss.mo
Come havrà visto V. S. Ill.ma ero già condoluto della morte del Ser.mo S.r Duca frello de V. S. Ill.ma et S.r mio, che sia in cielo, dolendomi anche di non haverla potuto riverire prima della partenza sua da questa corte. Hora ricevo il favore della benigniss.a sua lettera per la quale et mi dà parte della perdita del Ser.mo S.re Duca, et mi assicura della sua buona gratia. Ne resto però oblig.mo à V. S. Ill.ma assicurandola che vivo quà in deposito per ser.la et obedirla sempre, ne potrò consolarmi itieram.te mentre ch'io non riceva il favore di suoi comandam.ti de'quali ne fupp.co V. S. Illma et gli faccio hum.a riverenza pregandogli un'corso di vita longa, et feliciss.a
Di Roma il di 23 di Genaro 1613.
Di V. S. Ill.ma et R.ma
Mi astendo del titolo di Sereniss.o perche mi n'e detto, che questo è per hora la sua volontà.
humiliss.o et devotiss.o servitor
R. Card.le Bellarmino.

S.r Card.le Gonzaga. Mantova.