Difference between revisions of "Page:EBC 1611 04 18 2601.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "Roma,18 aprii 1611. Bellarminus Cap�tulo Montepulciano. 1053bis Illustrissimi et molto Rev/i Signori come fratelli. Designando il S.Abbate di S/^o Benedetto mio nepote tra...")
 
(Proofread)
 
Page statusPage status
-
Not proofread
+
Proofread
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
Roma,18 aprii 1611. Bellarminus Cap�tulo Montepulciano.
+
Illustrissimi et molto Rev.i Signori come fratelli. Designando il S. Abbate di S.to Benedetto mio nepote trattenersi costì per godersi cotesto aere, giudicato dalli medici salutifera per la sua complessione, gli ho incaricato, che visiti codesta chiesa e diocesi e che esserciti anche l'offitio di vicario in assenza del S. Giulio Mattei, havendo Io a questo effetto dato al istesso mio nepote tutta l'autorità e faculta nell'uno e l'altro carico che è neces sario: si contentino però le SS. VV. riceverlo per tale nell'uno e l'altro offitio: sintanto che da me si fara altra provisione, e spe rando che dal canto suo ne riceveranno assai giusta e possibile satisfazione. Prego alle SS. VV. da Dio ogni vero bene.<lb/>
 +
Di Roma il dì 18 d'Aprile 1611. <lb/>
 +
Delle SS. VV. Ill.i et molto Rev.e <lb/>
 +
Come fratello<lb/>
 +
il Cardinal Bellarmino.
  
1053bis
 
  
Illustrissimi et molto Rev/i Signori come fratelli. Designando il S.Abbate di S/^o Benedetto mio nepote trattenersi cos t� per godersi cotesto aere, giudicato adalli medici salutifera per la sua complessione, gli ho incaricato, che visiti codesta chiesa e diocesi e che esserciti anche l'offitio di vicario in assenza del S. Giulio Mattei, havendo Io a questo effetto dato al istesso mio nepo te tutta 1 'autorit� e faculta nell'uno e l'altro carico che � neces sario: si contentino per� le SS. VV. riceverlo per tale nell'uno e l'altro offitio: sintanto che da me si fara altra provisione, e spe rando che dal canto suo ne riceveranno assai giusta e possibile satisfazione. Prego alle SS. VV. da Dio ogni vero bene.
 
Di Roma il d� 18 d'Aprile 1611. Delle SS.V.V. Ill/i et molto Rev/e Come fratelli il Cardinal Bellarmino.
 
  
Montepulciano,Archiv.episc. Document.Proc.Beatif.
 
  
 
+
[[Category:EBC_Proofread]]
[[Category:EBC_Not proofread]]
 
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Pages]]
 
[[Category:EBC_Pages]]

Latest revision as of 09:59, 25 October 2019

This page has been proofread


Illustrissimi et molto Rev.i Signori come fratelli. Designando il S. Abbate di S.to Benedetto mio nepote trattenersi costì per godersi cotesto aere, giudicato dalli medici salutifera per la sua complessione, gli ho incaricato, che visiti codesta chiesa e diocesi e che esserciti anche l'offitio di vicario in assenza del S. Giulio Mattei, havendo Io a questo effetto dato al istesso mio nepote tutta l'autorità e faculta nell'uno e l'altro carico che è neces sario: si contentino però le SS. VV. riceverlo per tale nell'uno e l'altro offitio: sintanto che da me si fara altra provisione, e spe rando che dal canto suo ne riceveranno assai giusta e possibile satisfazione. Prego alle SS. VV. da Dio ogni vero bene.
Di Roma il dì 18 d'Aprile 1611.
Delle SS. VV. Ill.i et molto Rev.e
Come fratello
il Cardinal Bellarmino.