Difference between revisions of "Page:EBC 1600 09 22 0120.pdf/1"

From GATE
(Proofread)
 
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
 
[[Category:EBC_Proofread]][[Category:EBC_Letters]]
 
[[Category:EBC_Proofread]][[Category:EBC_Letters]]
 
Molto Ill.re Sig.r Fratello.<lb/>
 
Molto Ill.re Sig.r Fratello.<lb/>
Scrissi con l'ordinario d� M�lahb che non mi par^^ necess�rio
+
Scrissi con l'ordinario di Milano che non mi pareva necessario
presentare il Sig^ card. Aldobrandino, poich� gli fara le spese regiamente il Gran Duca. Mi piace che V. S. viene nel m�o parere.
+
presentare il Sig.r card. Aldobrandini, poiché gli farà le spese regiamente il Gran Duca. Mi piace che V. S. viene nel mio parere.
D u b i t a v o se fusse b e n e che V. 3. l ' a n d a s s e � v i s i t a r e � R a d � c o f a n � S � s^� Chirico. Ma bora m'inchino alla negativa, perche il Sig^ Card^^ Aldobrandino va con una grandissima comitiva di 16 prelati et altri signori t�tulat�. Onde saria forse difficile ha^ere adito parlargli, oltre che bisognarla andarvi con accompagnamento honorato, et in q uesto fare spese n o n n e c e s s a r i e . Si a g g � o g n e che V. S.
+
Dubitavo se fosse bene che V. S. l'andasse a visitare a Radicofani o a S.to Chirico. Ma ora m'inchino alla negativa, perché il Sig.r Card.le Aldobrandini va con una grandissima comitiva di 16 prelati et altri signori titolati. Onde sarà forse difficile avere adito a parlargli, oltre che bisognerà andarvi con accompagnamento onorato, et in questo fare spese non necessarie. Si aggiunge che V. S. non ci ha servitù particolare et forse non gli ha mai parlato, et si può scusare con l'età grave. Pure mi rimetto al suo giudizio. La partita del suddetto Sig.r Cardinale sarà alli 26 del presente, et andrà la prima sera a Monterosi, la 2a a Viterbo, la 3a ad Acquapendente; la 4a non sappiamo se a Radicofani o più oltre. Quanto al cavaliere Azzolini, non è possibile trattarne ora con il Sig.r card.le Aldobrandini, perché per la brevità del tempo non ammette le visite de Cardinali; et poi io so che la cosa è difficilissima, et non vorrei avere una negativa dal Gran Duca, ne anco la grazia con disgusto di Sua A. Mi muove anco assai a non ci far altro la causa del cavalier Mario, al quale son più obbligato. Mg. Ricciardo Benci ora mi domanda che gl'ottenga dal card. Montalto il governo di Farfa, o Scesi dal card. AldobrandinI. Io ho pochissima voglia di trattar niente per lui, perché esso s'immagina che non abbia altro pensiero che il fatto suo; et poi mi fece domandar con tanta insistenza Velletri et non ci volle andare; et ora mi ha fatto scrivere al governator di Viterbo per la prorogatione dell'assenza per tutto settembre; et il Governatore mi risponde che già esso l'aveva domandata et ottenuta; et così mi fa scrivere indarno oltre che io ho molestato più et più volte il Sig.r card.le Aldobrandini per lui, et non mi pare di ragione di farlo tanto spesso. Finalmente esso si porta con me in un modo come se gli avessi grande obbligo, et io non l'ho mai visto,se non di poi che sono cardinale. Ho voluto scriver questo �aV. S., a ciò non si meravigli se esso si lamenterà di me. Con questo mi raccomando. Di Roma li 22 di settembre 1600.
non ci ha servit� particulare et forse non gli ha mai parlato, et
 
s� pu� scusare con l'et� grave. Pure mi rimetto al suo g�ud�tio. MLa partita del suddetto S�g^ Cardinale sar^ all� 26 del presente, et ander� la prima sera Monterosi, la 2^ � Viterbo, la 3^ ad Acquapendente; la 4^ non sappiamo se Radicofani � pi� oltre.
 
Quanto al cavaliere Azol�n�, non possibile trattarne hora con
 
il Sig^ card^^ Aldobrandino, perche per la brevit� del tempo non
 
admette le v�site de Cardinali; et poi io so che la cosa � diff�cilissima, et non vorrei bavere una negativa dal Gran Duca, ne anco la grat�a con disgusto d� Sua A. Mi muove anco assai non ci far altro la causa del caval�er Mario, al quale son pi� obligato. Mg. Ricciardo Benc� hora mi domanda che gl'ottenga dal card. Montalto il governo d� Tarfa, o Scesi dal card.Aldobrandino. Io ho poch�ss�ma voglia di trattar niente per lui, perche esso s'�mag�na che non habb�a altro pensiero che il fatto suo; et poi mi fece domandar con tanta insistenza Velletr� et no n ci v o l s e andare; et h o r a mi ha fatto scrivere al governator d� Viterbo per la prorogat�one dellìassent�a per tutto settembre; et il Governatore mi risponde che gi� esso l'haveva domandata et ottenuta; et cos� mi fa scr�vere indarno oltre che io ho molestato pi� et pi� volte il Sig^ card^^ Aldobrandino per lu�, et non pi pare di ragione d� farlo tanto spesso. Finalmente esso si porta con me in u n modo come se gli havess� grande obbligo, et io non l'ho mai visto,se non d� poi che sono cardinale. Ho voluto scr�ver questo � V. S., � ci� n o n s� maravigli se esse s� lamentar� d� me. Con questo mi racomando. D� Roma l� 22 di settembre 1600.
 
 
Di V. S.<lb/>
 
Di V. S.<lb/>
 
fratello aff.mo<lb/>
 
fratello aff.mo<lb/>

Revision as of 12:52, 24 March 2017

This page has been proofread

Molto Ill.re Sig.r Fratello.
Scrissi con l'ordinario di Milano che non mi pareva necessario presentare il Sig.r card. Aldobrandini, poiché gli farà le spese regiamente il Gran Duca. Mi piace che V. S. viene nel mio parere. Dubitavo se fosse bene che V. S. l'andasse a visitare a Radicofani o a S.to Chirico. Ma ora m'inchino alla negativa, perché il Sig.r Card.le Aldobrandini va con una grandissima comitiva di 16 prelati et altri signori titolati. Onde sarà forse difficile avere adito a parlargli, oltre che bisognerà andarvi con accompagnamento onorato, et in questo fare spese non necessarie. Si aggiunge che V. S. non ci ha servitù particolare et forse non gli ha mai parlato, et si può scusare con l'età grave. Pure mi rimetto al suo giudizio. La partita del suddetto Sig.r Cardinale sarà alli 26 del presente, et andrà la prima sera a Monterosi, la 2a a Viterbo, la 3a ad Acquapendente; la 4a non sappiamo se a Radicofani o più oltre. Quanto al cavaliere Azzolini, non è possibile trattarne ora con il Sig.r card.le Aldobrandini, perché per la brevità del tempo non ammette le visite de Cardinali; et poi io so che la cosa è difficilissima, et non vorrei avere una negativa dal Gran Duca, ne anco la grazia con disgusto di Sua A. Mi muove anco assai a non ci far altro la causa del cavalier Mario, al quale son più obbligato. Mg. Ricciardo Benci ora mi domanda che gl'ottenga dal card. Montalto il governo di Farfa, o Scesi dal card. AldobrandinI. Io ho pochissima voglia di trattar niente per lui, perché esso s'immagina che non abbia altro pensiero che il fatto suo; et poi mi fece domandar con tanta insistenza Velletri et non ci volle andare; et ora mi ha fatto scrivere al governator di Viterbo per la prorogatione dell'assenza per tutto settembre; et il Governatore mi risponde che già esso l'aveva domandata et ottenuta; et così mi fa scrivere indarno oltre che io ho molestato più et più volte il Sig.r card.le Aldobrandini per lui, et non mi pare di ragione di farlo tanto spesso. Finalmente esso si porta con me in un modo come se gli avessi grande obbligo, et io non l'ho mai visto,se non di poi che sono cardinale. Ho voluto scriver questo �aV. S., a ciò non si meravigli se esso si lamenterà di me. Con questo mi raccomando. Di Roma li 22 di settembre 1600. Di V. S.
fratello aff.mo
il Card. Bellarmino.

---page break---
Al molto Ill.re Sig.re il Sig.r Tommaso Bellarmino. Montepulciano.