Page:EBC 1599 03 19 0020.pdf/1

From GATE
Revision as of 13:45, 1 March 2018 by Lorenzo Mancini (talk | contribs) (Validated)
This page has been validated

La R. V. parla e scrive come gli detta la santa carità, la quale sente bene di tutti, et ogni cosa interpreta in miglior senso: ma io, che conosco le mie molte imperfettioni, e che so quanta quiete d'animo e fiducia della salute eterna ho meso in compromesso, se bene non di mia volontà, ma per ubbidienza di chi m'ha potuto e voluto commandare, non posso non stare di assai mala voglia. Il Signor Cardinal Baronio, con il quale sono stato sempre unito, si rallegra assai; ma credo lo faccia per che solatium est miseris socios habere poenarum. Lei, che gode la pace della santa contemplatione, habbia compassione di noi, e ci raccomandi al Signore, acciò questo vapore di gloria humana non c'impedisca l'aspetto del vero Sole. Mi raccomandi a tutta cotesta santa casa, et ad ogn'uno in particolare, perché io non tengo meno per fratelli amorevolissimi tutti quelli della Congregatione loro, che quelli della Compagnia di Gesù. Roma 19 Marzo 1599.
Come fratello amorevole.
Il Cardinal Bellarmino.