Page:APUG 1060 I 329r-330v.pdf/1

From GATE
Revision as of 10:11, 7 March 2019 by ArchivesPUG (talk | contribs)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
This page has not been proofread


Copia d’una Lettera Arabica mandata al P. Baldaßar Loyola Mandes
da un turco già illuminato per ricevere La S.ta Fede, voltata dall’Arabico
in Italiano. In Napoli. 29. Maggio. 1666.

Incomincio questa nel nome del Padre, del Figliolo, e dello Spirito Santo, quali
sono tre Persone, e un solo Dio. Amen.

E doppo questo prego l’istesso Dio, che faccia allontanare da V.R. ogni male incontro
e le dia quanto mai desidera in questo mondo, e nell’altro, conforme conviene ad
un Sig.re d’Altezza si grande per nascita, per potenza, e per fama, che è appunto
come un alba nata dalle tenebre per spargere raggi di Santità da ogni parte, e che
con il Lume ricevuto spicca frà tutti: essendo che è unico in questi tempi per le gran
meraviglie, per la purità, per la fede, e per la carità: e non dico questo solamen-
te per l’amore, che le porto, ò pure per li beneficij ricevuti, ma senza esageratione
alcuna; mentre à ciascuno è noto il suo Altiss.mo nome, che solo pensato rende il cuore
allegro, dileguando da quello ogni ombra di tristezza, havendolo io più volte esperimentato.
questo è il mio Padrone, il mio amatore in Dio, e doppo iddio ogni mio bene, il vero
Lume dè miei occhi il Sig.r Baldassar Loyola Mandes, al quale darà in dono la S.ta non dico cose materiali, ò celesti, ma se stessa; essendo che ella è inclinata
all’opere pie di carità, e di pietà in riguardo dell’istessa ta. Incomincia per
tanto à riverire V. R. per quanto sà, e vuole, accompagnando l’inchino con
profumati odori di quella Patria Celeste, che sono più grati d’ogni soavità pe-
netrante l’anima disposta per sollevarla: quello che presentandole tutto il sopradetto
giusta i suoi merigi appena si reputa degno di registrare il suo nome nella più falsa
estremità della presente, dandogli parte come hò ricevuto la sua gratiss.ma lettera,
che fù da me letta con sommo gusto, intendendo il contenuto, e quello che principalm.te
m’hà rallegrato è l’havere havuto notitia della sua salute, rendendo perciò gratie
à Dio, pregando S. D. ta, che gli dia il compimento de’ suoi desiderij come anche

---page break---