Difference between revisions of "Page:AKC 1678 10 01 566-239.pdf/1"

From GATE
(4 intermediate revisions by 2 users not shown)
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
[[Category:AKC_Not proofread]]
+
<abbr>Ill.mo</abbr> <abbr>Sig.re</abbr> e <abbr>De.mvo</abbr> mio <abbr>colend.mo</abbr> <lb/>
<abbr>Ill.mo</abbr> <abbr>Sig.re</abbr> e <abbr>De.mvo</abbr> mio <abbr>colend.mo</abbr>
+
Non ho potuto tralasciare per il mio debito con che le resto obligatissimo<lb/>
Non ho potuto tralasciare per il mio debito con che le resto obligatissimo <lb/> a dare <abbr>V.S.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> qualche raguaglio della <gap/> missione <unclear>lice</unclear>, e del felice <lb/> successo, con che si ha favorita Madonna <abbr>S.ma</abbr>; se sono presentati più <lb/> che 10 mille Pellegrini a farsi partecipi della <abbr>Sagram.ti</abbr> et a guadagnaire <lb/> le indulgenze, che la <abbr>S.ta</abbr> di <abbr>N.S.</abbr> oltre al solito ha voluta concederci. <lb/> Li <gap/> contenti furono in tanto numero che non fu nessuno de 12 nostri Padri <lb/> che non oltre 12 hore, alcuni anche oltre 20 hore furono arrestati nelli <lb/> confessionali tutta la notte e giorno lavorando. Ma il tutto riferirà meglio <lb/> il <abbr>Sig.re</abbr> Crescentio, nostro principale uffciale delle nostre funtioni con zelo <lb/> e fervore impareggiabile. Il quale anche tra le altre cose insieme con il famoso <lb/> pittore <abbr>Sig.</abbr> Paolo Albertosi si sono impiegati a dipingere le cinque 5 cone da <abbr>Quadng</abbr> <lb/> <unclear>olo</unclear>, fin alla nostra <gap/> <unclear>iosa</unclear> delle <unclear>manter</unclear> <gap/> <abbr><unclear>gus.te</unclear></abbr> ma da maestri con <lb/> quella perfettione che a parere de tutti non <add>come</add> come di Campagna ma  <add>come</add> di pelle degna <lb/> che si presume mettere nelle più celebri chiese di Roma. E poi che <abbr>VS.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr>  si pro<lb/>fessa tanto di noto e zelante servo della Madonna <abbr>S.ma</abbr>, per gli segnalati <gap/> <unclear>zi</unclear> <lb/> ricevuti dalla di lei <abbr>liberalis.ma</abbr> mano; à cooperare meco per santificare tutta <lb/> <add>quella</add> montagna, a complire il resto delli misteri gaudiosi et gloriosi con altra <lb/> cona come <unclear>ref</unclear> le nostre 5 cone che rappresentano gli 5 misteri dolorosi.<lb/> E come non sono di spese exorbitanti poi <add>che</add> per 25 santi <gap/> <unclear>cins</unclear> fù <lb/> distrutta e dipinta così anche sarà più facile a <abbr>VS</abbr> <abbr>Ill.</abbr> a farle fabricare <lb/> nel fondo della sua <unclear>gr</unclear> cioè da Siciliano sin alla chiesa delle nostre <lb/> <gap/> e poi doppo la <unclear>m</unclear> sin al fondo ce pesci altro cingo del tutto questo <lb/> <unclear>p</unclear> <abbr>VS</abbr> <abbr>ill.</abbr> ma può conferire con il Sig.re Crescentio più prattico,e con Migro <lb/> Grammi</unclear> l'architetto</unclear> della madonna. Et io non mancherò di far sapere gli meriti di <lb/> <abbr>VS.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> appresso la posterità nella 2 parte dell'<unclear>ifi</unclear> fu Publio- massimo, che già <lb/> messosi in ordine a rissolverla <abbr>VS.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> scusi dell'ardire con che l'interpello <gap/> <unclear>lli</unclear> suoi più urgenti affari e la prego di nuovo a scusare la mia presunzione, poi chè caritas <lb/> christi urget me, e l'amore del gran madre di Dio e nostra non mi lascia riposare, fin <lb/> che habbiamo complita quella gran opera di pietà che teniamo per le mani <add>e</add> <abbr>V.S.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> non <lb/> se ne penta a far quelle poche spese poi che la madre di Dio <abbr>potent.ma</abbr> sapià <unclear>vi</unclear> <lb/> forte con milleplicata liberalità. tutte le cose del mondo possono <add>e</add> periscono. Solo gli beni <lb/> eterni s'<gap/> a cercare e a potere dio e li sua <abbr>S.ma</abbr> gloria per tutti <unclear>d</unclear><lb/> . Vale marcho <abbr>excell.mo</abbr> e la Madonna <abbr><unclear>did.mo</unclear></abbr> <gap/> vita longa e <unclear>tione</unclear> e alla <gap/>.
+
a dare <abbr>V.S.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> qualche raguaglio della <gap/> missione <unclear>lice</unclear>, e del felice <lb/>
 +
successo, con che si ha favorita Madonna <abbr>S.ma</abbr>; se sono presenti più<lb/>
 +
che 10 mille Pellegrini a farsi partecipi della <abbr>Sagram.ti</abbr> et a guadagnaire <lb/>  
 +
le indulgenze, che la <abbr>S.ta</abbr> di <abbr>N.S.</abbr> oltre al solito ha voluta concederci. <lb/>
 +
li <gap/> contenti furono in tanto numero che non fu nessuno de 12 nostri Padri <lb/>  
 +
che non oltre 12 hore, alcuni anche oltre 20 hore furono arrestati nelli <lb/>  
 +
confessionali tutta la notte e giorno lavorando. Ma il tutto riferirà meglio <lb/>  
 +
il <abbr>Sig.re</abbr> Crescentio, nostro principale uffciale delle nostre funtioni con zelo <lb/>
 +
e fervore impareggiabile. Il quale anche tra le altre cose insieme con il famoso <lb/>  
 +
pittore <abbr>Sig.</abbr> Paolo Albertosi si sono impiegati a dipingere le cinque 5 cone da <abbr>Quadng</abbr> <lb/>
 +
<unclear>olo</unclear>, fin alla nostra <gap/> <unclear>iosa</unclear> delle <unclear>manter</unclear> <gap/> <abbr><unclear>gus.te</unclear></abbr> ma da maestri con <lb/>
 +
quella perfettione che a parere de tutti non <add>come</add> come di Campagna ma  <add>come</add> di pelle degna <lb/>
 +
che si presume mettere nelle più celebri chiese di Roma. E poi che <abbr>VS.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr>  si pro<lb/>
 +
fessa tanto di noto e zelante servo della Madonna <abbr>S.ma</abbr>, per gli segnalati <gap/> <unclear>zi</unclear> <lb/> ricevuti dalla di lei <abbr>liberalis.ma</abbr> mano; à cooperare meco per santificare tutta <lb/>  
 +
<add>quella</add> montagna, a complire il resto delli misteri gaudiosi et gloriosi con altra <lb/> cona come <unclear>ref</unclear> le nostre 5 cone che rappresentano gli 5 misteri dolorosi.<lb/>  
 +
E come non sono di spese exorbitanti poi <add>che</add> per 25 santi <gap/> <unclear>cins</unclear> fù <lb/>  
 +
distrutta e dipinta così anche sarà più facile a <abbr>VS</abbr> <abbr>Ill.</abbr> a farle fabricare <lb/>  
 +
nel fondo della sua <unclear>gr</unclear> cioè da Siciliano sin alla chiesa delle nostre <lb/>  
 +
<gap/> e poi doppo la <unclear>m</unclear> sin al fondo ce pesci altro cingo del tutto questo <lb/>  
 +
<unclear>p</unclear> <abbr>VS</abbr> <abbr>ill.</abbr> ma può conferire con il Sig.re Crescentio più prattico,e con Migro <lb/> Grammi</unclear> l'architetto</unclear> della madonna. Et io non mancherò di far sapere gli meriti di <lb/>
 +
<abbr>VS.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> appresso la posterità nella 2 parte dell'<unclear>ifi</unclear> fu Publio- massimo, che già <lb/>
 +
messosi in ordine a rissolverla <abbr>VS.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> scusi dell'ardire con che l'interpello <gap/> <unclear>lli</unclear> suoi più urgenti affari e la prego di nuovo a scusare la mia presunzione, poi chè caritas <lb/>  
 +
christi urget me, e l'amore del gran madre di Dio e nostra non mi lascia riposare, fin <lb/>  
 +
che habbiamo complita quella gran opera di pietà che teniamo per le mani <add>e</add> <abbr>V.S.</abbr> <abbr>Ill.ma</abbr> non <lb/>  
 +
se ne penta a far quelle poche spese poi che la madre di Dio <abbr>potent.ma</abbr> sapià <unclear>vi</unclear> <lb/>
 +
forte con milleplicata liberalità. tutte le cose del mondo possono <add>e</add> periscono. Solo gli beni <lb/>  
 +
eterni s'<gap/> a cercare e a potere dio e li sua <abbr>S.ma</abbr> gloria per tutti <unclear>d</unclear><lb/> .  
 +
Vale marcho <abbr>excell.mo</abbr> e la Madonna <abbr><unclear>did.mo</unclear></abbr> <gap/> vita longa e <unclear>tione</unclear> e alla <gap/>.
 
dei <abbr>V.S.</abbr><abbr>Ill</abbr>
 
dei <abbr>V.S.</abbr><abbr>Ill</abbr>
 
firmo di cuore
 
firmo di cuore
 
Athanasio Kircher
 
Athanasio Kircher
 +
[[Category:AKC Not proofread]]
 +
[[Category:AKC Pages]]
 +
[[Category:AKC Letters]]

Revision as of 11:50, 22 May 2018

This page has not been proofread


Ill.mo Sig.re e De.mvo mio colend.mo
Non ho potuto tralasciare per il mio debito con che le resto obligatissimo
a dare V.S. Ill.ma qualche raguaglio della missione lice, e del felice
successo, con che si ha favorita Madonna S.ma; se sono presenti più
che 10 mille Pellegrini a farsi partecipi della Sagram.ti et a guadagnaire
le indulgenze, che la S.ta di N.S. oltre al solito ha voluta concederci.
li contenti furono in tanto numero che non fu nessuno de 12 nostri Padri
che non oltre 12 hore, alcuni anche oltre 20 hore furono arrestati nelli
confessionali tutta la notte e giorno lavorando. Ma il tutto riferirà meglio
il Sig.re Crescentio, nostro principale uffciale delle nostre funtioni con zelo
e fervore impareggiabile. Il quale anche tra le altre cose insieme con il famoso
pittore Sig. Paolo Albertosi si sono impiegati a dipingere le cinque 5 cone da Quadng
olo, fin alla nostra iosa delle manter gus.te ma da maestri con
quella perfettione che a parere de tutti non come come di Campagna ma come di pelle degna
che si presume mettere nelle più celebri chiese di Roma. E poi che VS. Ill.ma si pro
fessa tanto di noto e zelante servo della Madonna S.ma, per gli segnalati zi
ricevuti dalla di lei liberalis.ma mano; à cooperare meco per santificare tutta
quella montagna, a complire il resto delli misteri gaudiosi et gloriosi con altra
cona come ref le nostre 5 cone che rappresentano gli 5 misteri dolorosi.
E come non sono di spese exorbitanti poi che per 25 santi cins
distrutta e dipinta così anche sarà più facile a VS Ill. a farle fabricare
nel fondo della sua gr cioè da Siciliano sin alla chiesa delle nostre
e poi doppo la m sin al fondo ce pesci altro cingo del tutto questo
p VS ill. ma può conferire con il Sig.re Crescentio più prattico,e con Migro
Grammi</unclear> l'architetto</unclear> della madonna. Et io non mancherò di far sapere gli meriti di
VS. Ill.ma appresso la posterità nella 2 parte dell'ifi fu Publio- massimo, che già
messosi in ordine a rissolverla VS. Ill.ma scusi dell'ardire con che l'interpello lli suoi più urgenti affari e la prego di nuovo a scusare la mia presunzione, poi chè caritas
christi urget me, e l'amore del gran madre di Dio e nostra non mi lascia riposare, fin
che habbiamo complita quella gran opera di pietà che teniamo per le mani e V.S. Ill.ma non
se ne penta a far quelle poche spese poi che la madre di Dio potent.ma sapià vi
forte con milleplicata liberalità. tutte le cose del mondo possono e periscono. Solo gli beni
eterni s' a cercare e a potere dio e li sua S.ma gloria per tutti d
. Vale marcho excell.mo e la Madonna did.mo vita longa e tione e alla . dei V.S.Ill firmo di cuore Athanasio Kircher