Difference between revisions of "Page:AKC 1667 02 19 555-063.pdf/1"

From GATE
(Not proofread: Created page with "M.<hi rend="superscript">to</hi> Rev.<hi rend="superscript">do</hi> P.<hi rend="superscript">re</hi><lb/> Rifiorisci l'Egitto con i suoi geroglifichi<lb/> nella carte di <abbr...")
 
m (top: added Template:TurnPage, replaced: <references/> → <references/> {{TurnPage}})
 
(11 intermediate revisions by 4 users not shown)
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
M.<hi rend="superscript">to</hi> Rev.<hi rend="superscript">do</hi> P.<hi rend="superscript">re</hi><lb/>
+
M.to Rev.do Padre<br>
Rifiorisci l'Egitto con i suoi geroglifichi<lb/>
+
Rifiorisce l'Egitto con i suoi geroglifici nella carte di V. R. la quale imprigiona mirabilmente in quelle la curiosità umana. Gli occhi poi, e la mente più si tratterranno col volume di lei, che coll'obelisco medesimo, addossato allo elefantino, perché ivi stà solo la maraviglia; ma nell'opera della sua mano sta la meraviglia, e l'intelligenza, quella che rende più preziosi i marmi dell'antichità. Io che ne hò arricchita la mia libreria, mi chiamo altamente obbligato al dono, e ridono tutto me stesso a lei, della quale sarò sin che vivo.
nella carte di <abbr>V.</abbr> <abbr>R.za</abbr> la quale impri-<lb/>
+
 
giona <abbr>mirabilm.te</abbr> in quelle la curio-<lb/>
+
[[Category:AKC Not proofread]]
sità humana. Gli occhi poi, e la men-<lb/>
+
[[Category:AKC Pages]]
te più si tratterranno col volume di lei,<lb/>
+
[[Category:AKC Letters]]
che coll'obelisco <abbr>med.mo</abbr>, addossato allo<lb/>
 
<abbr>elefanti.o</abbr>, perche
 
Footer (noinclude):Footer (noinclude):
Line 1: Line 1:
<references/>
+
<references/> {{TurnPage}}

Latest revision as of 15:05, 6 May 2020

This page has not been proofread


M.to Rev.do Padre
Rifiorisce l'Egitto con i suoi geroglifici nella carte di V. R. la quale imprigiona mirabilmente in quelle la curiosità umana. Gli occhi poi, e la mente più si tratterranno col volume di lei, che coll'obelisco medesimo, addossato allo elefantino, perché ivi stà solo la maraviglia; ma nell'opera della sua mano sta la meraviglia, e l'intelligenza, quella che rende più preziosi i marmi dell'antichità. Io che ne hò arricchita la mia libreria, mi chiamo altamente obbligato al dono, e ridono tutto me stesso a lei, della quale sarò sin che vivo.