Page:AKC 1667 02 05 563-021.pdf/1

From GATE
Revision as of 16:31, 20 January 2017 by Aristofane06 (talk | contribs)
This page has not been proofread


Molto Reverendo
io sono debitore del V.S. ill.ma non d'uno ma d'infiniti rin=
gratiamenti per l'honore veramente infinito ch'ho ricevuto nel bel=
lissimo di lei libro ultimamente uscito alla luce dell'interp.ne obe=
lisco Ghigio, quando in quello ha fatto campeggiare per perfettioni
le mie purtroppo grandi debolezze e per il dono g.tissimo che m'ha
fatto di sopra più dell' ist.so libro il quale ha impa il
mio preziosissimo museolo; dirò solo che io gli renderò perpetuamente tutte quelle gratie che da me si ponno concepire magg.ri e la supplicherò sempre a comandarmi non per alleggerire il mio debito ma per il mio cord affatto ne' so la e m di lei; e fra la prego a le in chese curiose osservationi sul l ti da altri e fitte inspet. da me e non le havev come spesa e mi pess do sia e perche in ordine et di ma darglile et altri a resa ho del libro di tarda più l'off.me