AKC Works 028

From GATE
Revision as of 10:09, 5 April 2017 by Virgilio03 (talk | contribs) (3r)

Bonanni, Filippo. Notizie circa la Galleria del Collegio Romano. (1709 ca.).

Name(s)
Title Historia circa la Galleria del Collegio Romano
Place of printing
Printer
Year ca.1709
Language(s) lat
Contained in
Bibliographic level Manuscript
Catalogue description
Key Concept(s)
Distinction(s)
Keyword(s)
Cited in
Digitization


Transcription pages



1r

1v

2r

Notizie circa la Galleria del Collegio Romano

Viveva nell'anno 1650 nel Campidoglio Romano il signor Alfonso Donnino, cittadino di Toscanella e segretario del Popolo Romano, e perché era amante delle scienze, desiderò che dopo la sua morte si consegnasse una raccolta di cose erudite da lui fatta al fine di ornarne una nobile Galleria; che perciò risolve di lasciarla al Collegio Romano, persuaso che in una casa religiosa, in cui si faceva professione di attendere alle lettere, si sarebbe fedelmente adempita la sua volontà, che perciò dopo il suo testamento aggiunse un codicillo il 12 di novembre del 1651 nella cui copia autentica presa dagli atti di Amico Abinante Notaro Capitolino è registrato come segue. In Dei nomine Amen. Fidem facio per presentes ego Cur. Capit. Not. publicus infrascriptus qualiter in Codicillis conditis a D. Alphonso Donnini de Toscanella in Actis meis § rogatus sub die 12 novemb. 1651, in quibus codicillis inter alia disposuit ut infra. Item esso Signor Alfonso codicillante asserendo per sua diligenza e soddisfazione avere radunato insieme molte cose curiose e di prezzo a fine di costituire e ornare una Galleria, e desiderando sommamente, che restino sempre unitamente in qualche luogo particolare a ciò possano essere godute, per tanto ha risoluto lasciarle conforme le ha lasciate e lascia al Venerabile Collegio Romano della Compagnia di Gesù, il che dichiara tanto più volentieri fare, tanto che non solamente avrà il fine da lui desiderato, ma ancora ritrovandosi in questa università molti religiosi e dotti Padri, i quali potranno aiutare i loro studi con queste sue fatiche, et esso Signor Codicillante ancora potrà con esse in qualche maniera concorrere al pubblico Beneficio, le quali cose costituiscono e ornano la Galleria, asserisce essere statue, mascheroni, idoli, quadri armi, pitture, tavole di marmo e di altra materia preziosa vasi di vetro e cristallo, strumenti musicali, piatti dipinti diverse sorti di pietre e frammenti di antichità, e ogni altra cosa destinata per servizio di detta Galleria, volendo che seguita la sua morte li Padri del detto Collegio di loro propria autorità, etiam non de manu haeredis possano pigliare e portare via tutte le suddette robe ad uso di Galleria con farne però dichiarazione e quietanza per mano di me notario, e il tutto possano impiegare come parrà e piacerà ai suddetti Padri con farne qualche memoria, conforme piacerà loro, e solito farsi ai loro Benefattori, pregando con ogni efficacia il Reverendissimo Padre Generale della Compagnia di Gesù e il molto Reverendo Padre Rettore del Collegio Romano che vogliono gradire il suo buon affetto accettando questa sua disposizione, sperando esso Signor Codicillante che la Gratitudine che detti Padri hanno mostrata verso altri di loro

2v

Benefattori siano cortesemente per esercitare verso di esso Signor Codicillante, tenendo memoria di lui nelli loro Santissimi Sacrifici e orazioni tanto più per avere disposto nel sudetto suo testamento di essere seppellito nella nuova chiesa di Sant'Ignatio contigua al detto Collegio Romano, conforme al suddetto suo testamento, volendo però che detti Padri a loro spese facciano porre nel suo sepolcro una lapide di marmo con la seguente inscrizione così. Alphonsus Donninus civis Tuscanensis hic resurectionem carnis expectat. Et haec inter cetera et alias latius prout in dictis codicillis et actis meis et ad quae et in quorum fidem et dati hac die 10 Novembris 1701. Ego Amicus Abinantes civis Romanus publ. apostolica Auctoritate Causidicus Curiae Capitolinae Notaris et in officio D. Joannis Abinantis successor, qui de praemissis rogatus ideo praesens Codicillum subscripsi en publicavi Reg. in fide loco Sigilli + Fu questo con cortese Legato accettato dal Padre Gosvino Nikel allora Vicario Generale della Compagnia e diede la cura al Padre Atanasio Kircher il quale in quel tempo dimorava in Collegio Romano come apparisce nel Catalogo delli soggetti di esso, in cui scribebat imprimenda che perciò fece trasportare dopo la morte del Testatore il tutto al sudetto Collegio e ne fece quietanza agli eredi del Defunto Benefattore siccome il Padre Generale a di 13 Novembre dell'anno med.o sottoscrisse l' accetazione, e parimente il P. Fabio Albergati in tal tempo Rettore nel Collegio Romano promettendo l'uno e l'altro di adempire la volontà del Defunto, con applicargli una messa quotidiana per petua in segno di gratitudine. Tutto ciò apparisce negli Atti del med.o Abinante, donde si è cavata copia autentica di quanto accadde, e vi sta registrato come qui si aggiunge. In nomine D.ni Amen Presente publico instrumento ubique pareat evidenter et sit notum quod anno ab eiusdem D.N. Jesu Christi salutifera na tivitate millesimo sexcentesimo quinquagesimo primo indict. 4.a die vero decimaseptima novembris Pontificatus autem in eodem X.po Patris et D. N. Innocentij Divina Providentia Papæ Decimi anno eius octavo admodum R. P. Athanasius Kircher Soc. Jesu vice et nomine R.mi P. Rectoris Ven. Coll. Rom. Legatarij b. m. Alphonsi Donnini, pro quo R. P. Rectore de voto promisit libere § et non quid § alias § declaravit et confessus fuit habuisse et recepisse et ad dictum Collegium asportari fecisse etiam cum Assistentia Ill.mi D. Bartholomei

3r

Capranice conservatoris et per Illustrissimis et excellentissimi Domini Antonij Valerij Procuratoris Fiscalis CC. omnia et singula bona res et alia destinata et constituentia Galleriam et alia Ven. Collegio relicta demptis rebus relictis D. Flavia Scordana informa Codicillorum D. B. M. D. Alphonsi § per me § rogato in huius ven § ad quos § de quibus § per pachim § omnique § et licet dichem Collegium en forma codicillorum ad nihil teneatur, nihilominus gratitudinis ergo asseruit R. P. Generalem et P. Rectorem exhibuisse celebrari facere unam missam quotidianam pro anima dicti quondam Alphonsi prout ex schedula quam mihi consignavit tenoris inferius registrandi, et ibidem presente dicta D. Flavia Scordana Romana filia quondam Mariani Senensis per me §. declaravit se recepisse, et penes se extare omnia bona sibi relicta, et de eis § omni § et sic tactis pecture et scripturis respective iuvarunt § super quibus omnibus et singulis pre missis petitum fuit a me Notario pubblico ut unum vel plura, seu instrumenta conficerem atque haderem prout opus fuerit, et requisitus ero. Actum Roma in aedibus Illustrorum DD Urbis conservatorum ibidem presentibus et audientibus Illustrissimis D. Dom.co Roncada fil. quam. Ioannis, et D. Bernardino fil. quem. Antonij Beranchij festibus ad predicta omnia vocatis, habitis specialiter atque Tenor supradicta schedula est prout sequitur, videlicet. In § essendosi compiaciuto il molto Illustre Signor Alfonso Donnino per il suo singolare affetto verso la Compagnia di Gesù e desiderio del ben pubblico con promuovere lo studio delle lettere ed erudizioni fisiche e di donare al Collegio Romano della Compagnia di Gesù una sua ricchissima Galleria, il molto Reverendo P. Vicario Generale della Compagnia di Gesù, come anche il P. Rettore di detto Collegio Romano accettano tal dono con quella stima e prezzo che conviene, e ringraziando molto sua Signoria vicissim gratitudinis ergo con perpetua memoria di beneficio così segnalato offrono e promettono al Domino Signor Alfonso di far dire una messa perpetua il giorno tanto in vita, quanto per l'anima di sua Signoria, quando la maestà divina si compiacerà chiamarla da questa vita e si comincerà ad effettuare, quanto in questa si promette in quello stesso tempo, nel quale il Collegio Romano della Compagnia di Gesù ne piglierà il pacifico possesso, e anche promettono i suddetti Padri di dare al detto Signor Alfonso gratis, et amoris ergo una sepoltura da seppellirsi il suo corpo nella Chiesa nuova che si fa di Sant'Ignazio in luogo recipiente e lasciarvi mettere la pietra di marmo con l'iscrizione, che parerà a detto

3v

4r

4v

5r

5v

6r

confido sed enim cum sumptus ad locum site accommodandum necessa- rii sint; quesitus iam quis nam cum facturus sit. Ego sane eos hisce vincere me facere non posse protestor, cum pecunia quas possideo non mea sed Benefactorum partim infabricam B. Virginis eustachiana partim ad missionem Apostolicam ibidem quotannis per nostros Patres instituendam deposita sit, qua alium in usum praeterquam in cultum B.ma Deiparae (ut ex Benefactorum intentionem patet) applicare sine piaculo nec possum nec debeo. Itaque necesse est ut Collegium Romanum ab hoc onere quod R. P.as V. mihi impo- suit me liberet, præsertim cum sumptuum summa ad 100 scuta non pertingat. Reliquorum vero quae ad ornatum et machinarum novarum molitionem pertinent. eorum omnium expensas, quantum quidem mea mihi tenuitas permittet, hisce me facturum polliceor. Atque hæc sunt, de quibus, uti mihi præcepit P. V. informandas fusius forsam quam decuit existimavi. Atque adeo certo sibi per- suadeat, in hisce cunctis nullo modo aut proprium meum commodum aut existimationem prætendere. Denique in R. P. V. voluntatem Divinam adorare, et non obitante senio et innumeris quibus con- tinuò premor litterariis occupationibus, conditione, non nisi merito obedientia fretum adimplere ardenter desiderare. Si ut tandem finiam R. P. V. pro magna mentis sua amplitudine tum ad magna matris cultum promovendum, tum ad capta studiorum molimina qua consiliis qua auxiliis prosequenda stimulos calcarque addere non dedignata fuerit, me utique tanto semper promptiorem reperiet, quanto maius inde divina gloria societatis salutisque animarum emolumentum emanaturum confido. Vale et da quod iubes et iube quod vis. Roma 5 Maij 1672 Humilis et Pauper servus et filius Athanasius Kircher

6v

7r

7v

8r

8v

9r

9v

10r

10v

11r

11v

12r

12v

13r

Riscatto, Camaldolesi e altri, da quali tutti è stato approvato e lodato con encomii, onde hanno fatta instanza di poterlo rivedere, e concor- demente hanno affermato che girando l'Europa non hanno trovata una raccolta simile e conservata con il buon ordine che si vede di cose tanto naturali quanto erudite, come nel Collegio Romano. Se non si crede a quanto dico, si potranno leggere li fogli pubblici e si troverà più volte nominato e lodato nelli Atti eruditi di Lipsia. Si vedono li Giornali de Letterati pubblicati in Venezia ogni mese, e vi si troverà lungamente descritto con encomii da quelli cortesi non meno che dotti Scrittori. Si scorrino li Giornali di Treux, e vi si troverà riferito da quelli ottimi e eruditi Padri i quali li compongono. Sino i fogli degli avvisi pubblici ne diedero contezza più volte e ultimamente essen- dosi degnato di onorarlo il Principe Elettorale di Baviera così pubblicarono alli 25 di Aprile di quest'anno 1716. Domenica mattina il Principe Elettorale di Baviera dopo udita messa nella chiesa de Padri Giesuiti salì a vedere nel Collegio Romano quel celebre Museo e qui è da sapersi che al medesimo la verità di N. Sig.re Clemente XI ne diede la nota in scritto, acciòcche l'onorasse col vederlo. Sarebbe vana pompa il registrare qui le lettere di huomini scienziati, nelle quali si sono degnati farne elogii, e in esso hanno notate molte cose nelli libretti di memoria, ove registrano girando il mondo, le cose più notabili che vedono, e quantunque molti di sette contrari alla Cattolica, e non affetti alla Religione Romana, hanno con sincerità fatti encomii al Collegio Romano, per haverlo veduto dotato di un singolare Museo. Se dunque dalla miglior parte delli soggetti qualificati di Europa viene approvato e a tutti i sudetti piace, per qual cagione non deve approvarsi la consolazione comune? e con amari pronostici potrà asserirsi la prossima futura destruzione e dissipazione di tutto? altra ragione io non saprei addurre se non che tutto proceder potrebbe dal mancamento delle notizie, che sù questo affare ho registrate in questi fogli. Sò che tal uno benche non biasimi l'opera, dissaprova il mos- trarla agli esterni, stimando cosa non convenevole l'introdurli in Casa Religiosa; se ciò habbia fondamento di sussistenza lascio giudicarlo a chi vuole, solamente rifletto, non essere cosa diversa l'introdurre in casa secolari per far vedere loro la libreria, come di prattica in ogni Religione e nelli Collegii della Compagnia. In Roma in Parigi, in Lione; in Anversa, in Napoli e cento altri delli più celebri, quando mi viene fatta l'instanza, e sempre restano edificati nel vedere in Case numerose di soggetti osservato un rigoroso silenzio, e le mura spiranti di religiosa osservanza. E perche tali querele più volte giunsero alle orecchie

13v

14r

14v

15r

15v