Difference between revisions of "AKC 1655 APUG567 49"

From GATE
Line 1: Line 1:
 
Molto Reverendo Padre in Cristo
 
Molto Reverendo Padre in Cristo
 
Pax Cristi
 
Pax Cristi
Sono stato in questo [[citesPlace::Johannes Gutenberg University of Mainz|Collegio di Magonza]] già 3 mesi, con tanto mio gusto, e con tanta quiete, che mi pare di essere stato nel paradiso terrestre. Sono stato sempre sano, più che in nessun'altra parte; allegro, e contento, e non m'ha mancato niente. Vorrei restare sempre qui; ma preferisco le volontà dei Superiori alla mia. Vado ad [[citesPlace::Würzburg]]; a leggere la [[citesWork::Matematica e la Morale]], per essere in maggior numero di Scolari che qui. Per tanto ho fatto li miei eserciti Spirituali, e adesso vado alla fiera di [[citesPlace::Frankfurt am Main|Francoforte]], per vedere se possa cambiare le reliquie dei libri salvati da quel naufragio, del quale fu scritto altra volta, con il [[Glossary-term::Ricciolo]] lasciato a Vostra Reverenza e con qualch'altro libro necessario, massimamente perché in [[citesPlace::Würzburg]] sono pochissimi libri di Matematica, e nessuno strumento; e al contrario qui vi è abbondanza dell'uni e dell'altri. Avevo pensiero di comprare l'[[citesWork::Opera Chimica|Opere]] di [[citesName::Johann Rudolph Glauber|Glaubero]], e mandarle a Vostra Reverenza adesso con qualche occasione; ma perché si ristampano adesso a [[citesPlace::Frankfurt am Main|Francoforte]] tutte con la giunta, aspetterò infine che saranno stampate. L'[[citesWork::Œdipus Ægyptiacus|Edipo]] non è comparso ancora.Ho scritto al Reverenza di [[citesPlace::Regensburg|Ratisbona]], già cinque settimane sono, e non ho avuto risposta. Ho scritto ancora al [[citesName::Johann Grothaus|Padre Grotthaus]] intorno ai libri di Vostra Reverenza, ma egli non si degna di rispondere. La risposta del [[citesName::Gottfried Henschenius|Padre Henschonio]] ho mandato l'altra volta a Vostra Reverenza quale prego egli salutare caramente da mia parte il [[citesName::Padre Ministro]], e dirle che cercherò con ogni diligenza nella fiera di [[citesPlace::Frankfurt am Main|Francoforte]] qualche operette del [[citesName::Lelio da Treviso|Padre Lehio]], che egli desidera: e se non le troverò, scriverò in [[citesPlace::Antwerpen|Anversia]] perché desidero grandemente servire ad un Padre tanto amorevole verso di me, a di Vostra Reverenza. Ringrazio ancora a Vostra Reverenza per li suoi ritratti mandatimi di nuovo; e la prego, che mi mandi le lettere dei Principi e Letterati copiati da [[citesName::Lorenzo]], quale saluto assai insieme con la sua consorte, e spero che stiano in pace. Ardirò supplicare a Vostra Reverenza per un favore grande, ed è, che per l'amore che mi porta, mi facci fare dal Maestro [[citesName::Adameo Compassaro]] (quali saluto, e li compatisco per la morte del padre) una bussoletta per il [[citesObject::Pantometro]] che faccio fare; perchè non ritrovo nessuno che sappia fare le linguette. Se Vostra Reverenza lo farà, e mi la manderà con il Reverendo Padre Rettore nostro, mi farà cosa grandissima, ed io resterò a lei obbligatissimo. Mi rallegra assai che Vostra Reverenza ha avuto un Compagno tanto buono, e tanto per se a proposito, per essere buon gambarolo. Il Signore lo conservi ad multos annos. Vostra Reverenza lo saluti da mia parte, et li legga le seguenti parole. Reverende Pater In primo cubiculo Patris Athanasij, asservatur fasciculus delli rott'ami, ut vocant, [[citesWork::Musurgia universalis|Musurgia]]. Reverentia Vestra seligat tria aut quatuor frontispicia, hoc est, primia folia in quibus est titulus libri, simul cum adiuncto semifolio, et mittat mihi cum Reverendo. [[citesName::Johann Philipp von Schönborn|Padre Rectore Moguntino]]. Faciet mihi rem gratissimam. Preterea salutet meo nomine Dominum [[citesName::Zanobio Masotti|Zanobium Bibliopolam]], eumque rogat, ut si inter chartas superfluas [[citesWork::Magnes sive de arte magnetica|Artis Magneticae]] (rottami) inveniat litteram T.I. Alphabeti primi, eam tradere dignetur Reverentiae Vestrae mihi similter transmittendam. Caro Padre Atanasio, io demando detti fogli, perche quelli detti libri mandatimi da [[citesPlace::München|Monaco]], sono guastati totalmente, con la maggior parte dei libri, e vorrei da tutti formare alcuni interi, per poterli vendere per qualche prezzo piccolo, o per farmi copiare da qualche mio scolaro li miei scritti, con buona licenza di Vostra Reverenza alle cui sante orazioni e sacrifici mi raccomando. [[citesPlace::Mainz|Magonza]] 12 di settembre 1655.
+
Sono stato in questo [[citesPlace::Johannes Gutenberg University of Mainz|Collegio di Magonza]] già 3 mesi, con tanto mio gusto, e con tanta quiete, che mi pare di essere stato nel paradiso terrestre. Sono stato sempre sano, più che in nessun'altra parte; allegro, e contento, e non m'ha mancato niente. Vorrei restare sempre qui; ma preferisco le volontà dei Superiori alla mia. Vado ad [[citesPlace::Würzburg]]; a leggere la [[citesWork::Matematica e la Morale]], per essere in maggior numero di Scolari che qui. Per tanto ho fatto li miei eserciti Spirituali, e adesso vado alla fiera di [[citesPlace::Frankfurt am Main|Francoforte]], per vedere se possa cambiare le reliquie dei libri salvati da quel naufragio, del quale fu scritto altra volta, con il [[citesWork::Almagestum novum |Ricciolo]] lasciato a Vostra Reverenza e con qualch'altro libro necessario, massimamente perché in [[citesPlace::Würzburg]] sono pochissimi libri di Matematica, e nessuno strumento; e al contrario qui vi è abbondanza dell'uni e dell'altri. Avevo pensiero di comprare l'[[citesWork::Opera Chimica|Opere]] di [[citesName::Johann Rudolph Glauber|Glaubero]], e mandarle a Vostra Reverenza adesso con qualche occasione; ma perché si ristampano adesso a [[citesPlace::Frankfurt am Main|Francoforte]] tutte con la giunta, aspetterò infine che saranno stampate. L'[[citesWork::Œdipus Ægyptiacus|Edipo]] non è comparso ancora.Ho scritto al Reverenza di [[citesPlace::Regensburg|Ratisbona]], già cinque settimane sono, e non ho avuto risposta. Ho scritto ancora al [[citesName::Johann Grothaus|Padre Grotthaus]] intorno ai libri di Vostra Reverenza, ma egli non si degna di rispondere. La risposta del [[citesName::Gottfried Henschenius|Padre Henschonio]] ho mandato l'altra volta a Vostra Reverenza quale prego egli salutare caramente da mia parte il [[citesName::Padre Ministro]], e dirle che cercherò con ogni diligenza nella fiera di [[citesPlace::Frankfurt am Main|Francoforte]] qualche operette del [[citesName::Lelio da Treviso|Padre Lehio]], che egli desidera: e se non le troverò, scriverò in [[citesPlace::Antwerpen|Anversia]] perché desidero grandemente servire ad un Padre tanto amorevole verso di me, a di Vostra Reverenza. Ringrazio ancora a Vostra Reverenza per li suoi ritratti mandatimi di nuovo; e la prego, che mi mandi le lettere dei Principi e Letterati copiati da [[citesName::Lorenzo]], quale saluto assai insieme con la sua consorte, e spero che stiano in pace. Ardirò supplicare a Vostra Reverenza per un favore grande, ed è, che per l'amore che mi porta, mi facci fare dal Maestro [[citesName::Adameo Compassaro]] (quali saluto, e li compatisco per la morte del padre) una bussoletta per il [[citesObject::Pantometro]] che faccio fare; perchè non ritrovo nessuno che sappia fare le linguette. Se Vostra Reverenza lo farà, e mi la manderà con il Reverendo Padre Rettore nostro, mi farà cosa grandissima, ed io resterò a lei obbligatissimo. Mi rallegra assai che Vostra Reverenza ha avuto un Compagno tanto buono, e tanto per se a proposito, per essere buon gambarolo. Il Signore lo conservi ad multos annos. Vostra Reverenza lo saluti da mia parte, et li legga le seguenti parole. Reverende Pater In primo cubiculo Patris Athanasij, asservatur fasciculus delli rott'ami, ut vocant, [[citesWork::Musurgia universalis|Musurgia]]. Reverentia Vestra seligat tria aut quatuor frontispicia, hoc est, primia folia in quibus est titulus libri, simul cum adiuncto semifolio, et mittat mihi cum Reverendo. [[citesName::Johann Philipp von Schönborn|Padre Rectore Moguntino]]. Faciet mihi rem gratissimam. Preterea salutet meo nomine Dominum [[citesName::Zanobio Masotti|Zanobium Bibliopolam]], eumque rogat, ut si inter chartas superfluas [[citesWork::Magnes sive de arte magnetica|Artis Magneticae]] (rottami) inveniat litteram T.I. Alphabeti primi, eam tradere dignetur Reverentiae Vestrae mihi similter transmittendam. Caro Padre Atanasio, io demando detti fogli, perche quelli detti libri mandatimi da [[citesPlace::München|Monaco]], sono guastati totalmente, con la maggior parte dei libri, e vorrei da tutti formare alcuni interi, per poterli vendere per qualche prezzo piccolo, o per farmi copiare da qualche mio scolaro li miei scritti, con buona licenza di Vostra Reverenza alle cui sante orazioni e sacrifici mi raccomando. [[citesPlace::Mainz|Magonza]] 12 di settembre 1655.
 
Di Vostra Reverenza
 
Di Vostra Reverenza
 
Servo in Cristo
 
Servo in Cristo

Revision as of 09:17, 4 May 2017

Molto Reverendo Padre in Cristo Pax Cristi Sono stato in questo Collegio di Magonza già 3 mesi, con tanto mio gusto, e con tanta quiete, che mi pare di essere stato nel paradiso terrestre. Sono stato sempre sano, più che in nessun'altra parte; allegro, e contento, e non m'ha mancato niente. Vorrei restare sempre qui; ma preferisco le volontà dei Superiori alla mia. Vado ad Würzburg; a leggere la Matematica e la Morale, per essere in maggior numero di Scolari che qui. Per tanto ho fatto li miei eserciti Spirituali, e adesso vado alla fiera di Francoforte, per vedere se possa cambiare le reliquie dei libri salvati da quel naufragio, del quale fu scritto altra volta, con il Ricciolo lasciato a Vostra Reverenza e con qualch'altro libro necessario, massimamente perché in Würzburg sono pochissimi libri di Matematica, e nessuno strumento; e al contrario qui vi è abbondanza dell'uni e dell'altri. Avevo pensiero di comprare l'Opere di Glaubero, e mandarle a Vostra Reverenza adesso con qualche occasione; ma perché si ristampano adesso a Francoforte tutte con la giunta, aspetterò infine che saranno stampate. L'Edipo non è comparso ancora.Ho scritto al Reverenza di Ratisbona, già cinque settimane sono, e non ho avuto risposta. Ho scritto ancora al Padre Grotthaus intorno ai libri di Vostra Reverenza, ma egli non si degna di rispondere. La risposta del Padre Henschonio ho mandato l'altra volta a Vostra Reverenza quale prego egli salutare caramente da mia parte il Padre Ministro, e dirle che cercherò con ogni diligenza nella fiera di Francoforte qualche operette del Padre Lehio, che egli desidera: e se non le troverò, scriverò in Anversia perché desidero grandemente servire ad un Padre tanto amorevole verso di me, a di Vostra Reverenza. Ringrazio ancora a Vostra Reverenza per li suoi ritratti mandatimi di nuovo; e la prego, che mi mandi le lettere dei Principi e Letterati copiati da Lorenzo, quale saluto assai insieme con la sua consorte, e spero che stiano in pace. Ardirò supplicare a Vostra Reverenza per un favore grande, ed è, che per l'amore che mi porta, mi facci fare dal Maestro Adameo Compassaro (quali saluto, e li compatisco per la morte del padre) una bussoletta per il Pantometro che faccio fare; perchè non ritrovo nessuno che sappia fare le linguette. Se Vostra Reverenza lo farà, e mi la manderà con il Reverendo Padre Rettore nostro, mi farà cosa grandissima, ed io resterò a lei obbligatissimo. Mi rallegra assai che Vostra Reverenza ha avuto un Compagno tanto buono, e tanto per se a proposito, per essere buon gambarolo. Il Signore lo conservi ad multos annos. Vostra Reverenza lo saluti da mia parte, et li legga le seguenti parole. Reverende Pater In primo cubiculo Patris Athanasij, asservatur fasciculus delli rott'ami, ut vocant, Musurgia. Reverentia Vestra seligat tria aut quatuor frontispicia, hoc est, primia folia in quibus est titulus libri, simul cum adiuncto semifolio, et mittat mihi cum Reverendo. Padre Rectore Moguntino. Faciet mihi rem gratissimam. Preterea salutet meo nomine Dominum Zanobium Bibliopolam, eumque rogat, ut si inter chartas superfluas Artis Magneticae (rottami) inveniat litteram T.I. Alphabeti primi, eam tradere dignetur Reverentiae Vestrae mihi similter transmittendam. Caro Padre Atanasio, io demando detti fogli, perche quelli detti libri mandatimi da Monaco, sono guastati totalmente, con la maggior parte dei libri, e vorrei da tutti formare alcuni interi, per poterli vendere per qualche prezzo piccolo, o per farmi copiare da qualche mio scolaro li miei scritti, con buona licenza di Vostra Reverenza alle cui sante orazioni e sacrifici mi raccomando. Magonza 12 di settembre 1655. Di Vostra Reverenza Servo in Cristo Gaspare Schott Vostra Reverenza, nell'ultima desidera sapere che s'abbi fatto con l'Arte Magnetica, che ha avuto il Signor Wagner. L'ho scritto minutamente da Monaco. Pater Faber habuit Artes Magnes: 18; misit Viennam ad Patrem Kedt 9: Electori Moguntiate: 1: Heidelbergensi: 1: Duci Brunschwigo: 1, Harstorffero 1. et nescio cui alteri, 1. credo esse Dominum Boiniburgicum. Mihi consignarint 3, et unum exemplar est mancum, ex duabus reliquis curavi ligari 1. pro me quia meum reliqui Reverentiae Vestrae, et 1 super est vendendum. Reverendissimus Dominus Nihusius discessit dudum; Salutavi Dominos Boiniburgicum, et Phemium qui humanissime resalutant Reverentam Vestram; et offerunt mihi omnia obsequia. O si Reverentia Vestra mitteret mihi unam aut alteram icunculam pro Hydrotechynica, mea enim confractae sunt omnes praeter unam. Al Molto Reverendo Padre in Cristo Padre Atanasio Kirchero della Compagnia di Gesù Roma