Page:EBC 1620 05 23 2240.pdf/1

From GATE
This page has been proofread


Molto ill.re Signor Cugino, Non havevo saputo niente della sua malattia: onde hora mi rallegro et ringrazio Iddio che lei sia guarit. Io ancora vo migliorando, ma piu adagio, perche la mia è stata malattia longa di molti mesi, et poi si è volta in podagra, quale non mi lassa mai del tutto libero.
Io ho fatto l'offitio caldamente per quel frate che V.S. mi raccomanda, ma fin'hora non è certo se haverà il suo intento. Al tempo suo lo saperemo. Con questo fine mi raccomando à V.S. et saluto tutti di casa con ogni affetto. Di Roma li 23 di Maggio 1620.
Di V.S. m.to ill.re
Cugino aff.mo per servirla
Il Card.le Bellarmino.
Sig.re Antonio Cervini.
Montepulciano.
---page break---
Al m.to ill.re Signore Cugino, il S.r Antonio Cervini.
Montepulciano

This page contains the following annotations: