Page:EBC 1608 07 05 0778.pdf/1

From GATE
This page has been proofread

Molto magnifico signor cognato. Ho mandato più provvigione dell'ordinario, per la malattia di vostra consorte, perchè desidero che non patisca. Quanto al voto di andare alla Madonna di Orvieto, io credo che non gli gioverà, ma se il voto è fatto, bisogna osservarlo. Quando è il tempo di pagare il fitto della vigna, o della casa, è bene che mi sia avvisato da quelli a chi si deve pagare, perchè io non mi ricordo, e loro si lamentano. Altro non mi occorre, attenda a vivere con il timore di Dio. Di Roma li 5 di luglio 1608.
Di V.S.
Cognato amorevole
il Card.le Bellarmino.
Al m.to mag.co sig.or Bartoletto Burratti.
Montepulciano.

This page contains the following annotations: