Page:AKC 1655 12 567-052.pdf/1

From GATE
This page has been proofread


Molto R.do P. in Chr.o

P. C.

Una parola sola che mi scrive V.a R.a mi consola più che le lettere intiere d'altri.
Iscusa non è necessario che pretenda, per che sò quanto sij occupata, non haven-
do chi le sollevi in parte, come facevo io, benche di mal cuore; il che som-
mamente mi rincresce; mà molto più, che con il mio mal procedere hò dato
disgusto ad uno cosi caro Padre. Vorrei potere rifare li mei mancamenti.
Hò scritto al Sig.r Jansonio, già molto tempo fa, intorno all'Edipo; e non hò ha-
vuto ancora risposta. Hò scritto ancora à Norimberga alli Sig.ri Ender, offeren-
doli l'Edipo, come alli più ricchi Librari di questi contorni; mà egli no.
vuole più che 10 essemplari per dinari contanti, scusandosi con la gran
scarsezza di dinari che v'è in Germania. In tutta la Germania nostra su-
periæ non trovarò uno che voglia pagare uno gran numero d'essem-
plari; mà tutti vorranno almeno 1, ò 2, ò 3 essemplari quanto hò po-
tuto intendere da loro in Francfordt. Il P. Vito Erberman è prattico assai in
questa materia, et hà corrispondenza con tutti li Librari d'Europa. Dice, che
non è modo megliore, che V.a R.a mandi qui essemplari assai, e ci tassi
uno ragionevol prezzo che egli pagherà la vettura e frà poco tempo
venderà almeno 100 essemplari, e manderà à V.a R.a il dinaro (subtracto
pretio pro vettura) fedelissimamente, come hà fatto sempre. E veramente
quello che non farà detto Padre, non farà nissuno. Ho scritto due volte al S.
Grotthausen, e non posso havere risposta. Ho scritto all'istesso P. Rett.e di Colonia,
e nemmeno hò havuto risposta. Al Sig.r Wagner hò lasciato 2. Musurgiæ,
e 2. Obelisci, e non hà venduto ancora nessuna. Il P. Henschonio non
solamente non ci vuole pagare, mà vuole essere pagato. Hò mandato al
R.mo di Ratisbona quelli fogli soverchij, et hò dimandato quelli che mi mancano,
mà non ricevo risposta. In somma non sò dare a V.a R.a altro consiglio migliore,
che quello che hò detto, cio è, che mandi molti essemplari al P. Erberman
perche egli è assai puntuale.

Hò mandato alcune fig.e della mia Mechanica hydraulica à Francfordt al
Sig.r SchönWetter, il quale per molte lettere hà promiso à me et al P. Erber-
man, di voler stamparla. Ma sò che egli è assai tardo. Hò di più offerto il Pan-
tometro ad un'altro di Francfordt il quale spontaneamente s'hà offerto di
stampare tutte l'opere mie. Il Sig. Harstorffer ancora hà trattato con li Sig.ri
Enderi, e questi s'offeriscono di volere stampare l'opere mie. S'impone di
fare assai, e di finire fra poco tempo la Magia; mà non hò commincia-
to ancora, non sò quando comminciarò. Se fossi estato con V.a R.a have-
rei già fatto assai, et li mie opere sarebbono forse stampate. V.a R.a non si
rida di me. Intendo dal R. P. Assistente, che l'Itinerario è forse com-
minciato à stamparsi. Desidero che si stampi presto, et io mi offerisco in
quello che posso e che V.a R.a giudica che devo fare. Tutti li Padri di q.a
nostra Provincia stimano et amano V.a R.a, principalmente il nostro
R.o P. Provinciale, il quale vorrebbe che io descrivessi e stampassi la
Galeria di V.a R.a. Saluto il Compagno di V.a R.a, le cui lettere, insieme
con il saluto di V.a R.a, hò ricevuto. Il Sig.r Boineburg, et il Sig.r Phemio
salutano V.a R.a han letto l'Edipo di V.a R.a mostratoli dal nostro Em.
Mi rallegro della liberalià di esso. Non dubito che V.a R.a li scriverà
potrebbe con q.a occasione mandarli la descritione della statua che
ha fatto per la Regina. Tutti stupiscono, e vorebbero sapere l'artificio. Gl'
ho detto, che sià quello che V.a R.a insinia nella sua Musurgia et
che una volta hà detto à me, stando io inanti l'oratorio di V.a
R.a et havendo l'occhi mezzochiusi.


---page break---